PCI (Monteiasi): Unione Comuni di Montedoro, Sindaci se non ci credete più scioglietela questa associazione

Condividi

L’Unione dei Comuni Montedoro nasce nel 2002 per volontà e abnegazione dell’allora sindaco di Faggiano alla quale il Comune di Monteiasi fu uno dei primi ad aderire e a lavorare alla stesura dello Statuto.

Successivamente si sono aggregati Comuni quali Sava, San Marzano di San Giuseppe e San Giorgio Jonico.

Il fine dell’Unione era ed è quello di ASSOCIARE più Servizi per dare alle Popolazioni Amministrate SERVIZI qualitativamente migliori con risparmio di risorse per tutti.

Più volte, nel corso degli anni, come Partito abbiamo evidenziato e denunciato tutte le storture e le anomalie contenute nelle varie Deliberazioni e invitato in particolare il comune di Monteiasi ad adoperarsi affinché lo stesso e tutti gli altri si prodigassero per arrivare ad Associare quanti più servizi.

Nulla di tutto questo si è avverato al punto che a parte qualche eccezione molti Comuni continuano a svolgere servizi sempre più scadenti ma gestiti in proprio.

Difficile calcolare quanti danni questa situazione ha creato nel corso degli anni: finanziamenti persi, posti di lavoro non creati e servizi sempre più scadenti.

Per arrivare ai giorni nostri, la stessa Unione, senza conoscere le motivazioni continua a sperperare denaro pubblico deliberando un importo di 10.00 Euro all’anno per una convenzione con un settimanale al fine di pubblicizzare l’attività della stessa Unione e 15.000 Euro l’anno per dotarsi di un “UFFICIO STAMPA”.

Dentro tutto questo, con delibera di Giunta n°13 del 14-05-2020, l’Unione ha distribuito 28.500 Euro in relazione ai servizi associati e quindi Monteiasi n° 3 servizi 1.585Euro, Montemesola n°9 servizi 4.750Euro.

Perché abbiamo evidenziato questo, perché in tutte le delibere dell’unione, Il Sindaco del Comune di Monteiasi, componente la stessa Giunta, risulta sempre ASSENTE.

A tutti i Sindaci, se non ci credete, ATTO DI SCIOGLIMENTO!!!

Ciro Manigrasso         PCI Monteiasi

 

 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento