Borraccino, aggiornamento bandi regionali Microprestito e Titolo II: 1800 imprese già beneficiarie

Condividi

Riceviamo con puntualità dagli uffici di Puglia Sviluppo gli aggiornamenti sull’andamento dei bandi del Microprestito e del Titolo II, messi in campo dalla Regione Puglia per sostenere le imprese colpite dalla crisi economica provocata dal Covid. Si tratta di numeri molto rilevanti che attestano il grande bisogno di liquidità per la ripartenza in questo delicato momento.

 Alle ore 18.30 di ieri, martedì 7 luglio, il quadro è di:

  • 10.246 domande di agevolazioni arrivate complessivamente per un importo pari a € 222.677.208,38 (€ 216.605.656,59 al netto di rinunce e pratiche attualmente non ammissibili)
  • sono in istruttoria 3.974 domande con i seguenti esiti:
    • 1.549 ammissibili, con 1.479 determine di concessione delle agevolazioni per € 34.148.536,24;
    • 291 non ammissibili;
    • 1.159 in attesa di integrazioni;
    • 975 in attesa di esito della verifica di regolarità contributiva.

Sono state effettuate 391 erogazioni  per € 9.168.322,03, in favore delle prime imprese che hanno restituito i contratti di agevolazione sottoscritti.

Per le 1.479 imprese ammesse riportiamo di seguito la distribuzione per provincia e per settore.

 Per la provincia di Bari, 637 imprese ammesse a finanziamento per circa € 15 milioni 424mila di agevolazioni concesse complessivamente; Bat: 106 imprese ammesse per circa  € 2milioni 540mila di agevolazioni concesse; Brindisi 119 imprese ammesse per circa € 2milioni e 700mila; Foggia 240 imprese ammesse per circa € 5miloni 270mila di agevolazioni ; Lecce 240 imprese ammesse per circa  € 5 milioni e 62mila di agevolazioni; Taranto 137 imprese ammesse per circa € 3 milioni 161mila di agevolazioni.

Per quanto riguarda i settori, le imprese più numerose che stanno attingendo alle agevolazioni sono quelle del Commercio, della ristorazione e dell’edilizia. Nello specifico sono:

Agroalimentare 33 imprese ammesse €785.984,00 di agevolazioni concesse
Arti, sport e intrattenimento 18 imprese ammesse €376.613,72 di agevolazioni concesse
Assistenza sociale 4 imprese ammesse €89.750,25 di agevolazioni concesse
Attività professionali e di consulenza 40 imprese ammesse €878.782,35 di agevolazioni concesse
Autoriparatori 35 imprese ammesse €794.179,74 di agevolazioni concesse
Commercio 452 imprese ammesse €10.811.353,39 di agevolazioni concesse
e-commerce 7 imprese ammesse €127.998,75 di agevolazioni concesse
Edilizia 203 imprese ammesse €4.751.363,53 di agevolazioni concesse
Editoria, video, audio, telecomunicazioni 21 imprese ammesse €266.294,75 di agevolazioni concesse
Estetica e benessere 59 imprese ammesse €889.762,65 di agevolazioni concesse  
Formazione 6 imprese ammesse €110.363,50 di agevolazioni concesse  
Informatica 51 imprese ammesse €1.059.039,27 di agevolazioni concesse  
Legno e arredo 16 imprese ammesse €401.655,00 di agevolazioni concesse  
Manifatturiero 55 imprese ammesse €1.324.168,50 di agevolazioni concesse  
Professioni tecniche 3 imprese ammesse €90.000,00 di agevolazioni concesse  
Recupero e trattamento rifiuti 2 imprese ammesse €52.549,00 di agevolazioni concesse  
Ricettività 29 imprese ammesse €630.102,25 di agevolazioni concesse  
Riparazioni e manutenzioni 16 imprese ammesse €343.669,00 di agevolazioni concesse  
Ristorazione 253 imprese ammesse €6.374.099,21 di agevolazioni concesse  
Servizi alla persona 14 imprese ammesse €177.957,75 di agevolazioni concesse  
Servizi alle imprese 68 imprese ammesse €1.434.531,00 di agevolazioni concesse  
Servizi medici e sanitari 15 imprese ammesse €409.524,00 di agevolazioni concesse  
Servizi turistici 22 imprese ammesse €491.114,91 di agevolazioni concesse  
Tessile, abbigliamento, calzaturiero 18 imprese ammesse €471.588,50 di agevolazioni concesse  
Trasporti e logistica 39 imprese ammesse €1.006.091,22 € agevolazioni concesse  

Anche sul Titolo II capo 3 e capo 6 circolante i volumi diventano importanti e attestano l’interesse delle imprese e degli istituti di credito. Ad oggi, infatti, sono state presentate complessivamente 246 istanze complete di delibera ed erogazione del mutuo, per complessivi 156 milioni di euro di nuova liquidità. Queste istanze assorbono sovvenzioni da parte della Regione per circa 45 milioni di euro rispetto alla dotazione di 200 milioni di euro.

Procede spedito quindi il passo di queste misure che stanno rispondendo davvero celermente alle tante richieste pervenute per la ripresa delle attività in questa Fase 3 dell’emergenza sanitaria.  La Regione continuerà a stare al fianco dei pugliesi.

MINO BORRACCINO

ASSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO

REGIONE PUGLIA

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento