Il circolo ArciGrottaglie in collaborazione con il Comitato Solidale “Grup Yorum” organizza un sit-in di protesta

Condividi

Il circolo ArciGrottaglie in collaborazione con il Comitato Solidale “Grup Yorum” organizza un sit-in di protesta contro il governo turco che ha incarcerato e portato alla morte i componenti del gruppo musicale.

Noi vogliamo essere il megafono della Resistenza di questo gruppo musicale, degli avvocati del popolo, dell’opposizione e dei prigionieri politici, ristretti nei penitenziari dello stato turco.  

Purtroppo già due di loro, la cantante Helin Bolek ed il bassista Ibrahim Gokcek sono morti per le conseguenze dello sciopero della fame. Con loro un altro prigioniero politico Mustafa Kocak ha trovato la morte.

Non vogliamo che altri compagni si aggiungano alla lunga lista dei martiri per la democrazia e il socialismo in Turchia.

Non ci accontentiamo di un like o di una lacrima, non possiamo aspettare altre morti.

Ora, in Turchia, altri compagni avvocati dell’Ufficio legale del Popolo e prigionieri politici stanno portando avanti la resistenza con lo sciopero della fame.

L’avvocatessa Ebru Timtik si trova al 186 giorno, l’avvocato Aytac Unsal al 155; i prigionieri politici Didem Akman ed Ozgur Karakaya si trovano al 139.

Per loro, per il popolo turco, affinché gli avvocati possano esercitare la loro professione senza interferenze, censure e violenza; perché tutti possano avere un tribunale rispettoso del Diritto Internazionale, abbiamo deciso di scendere in piazza, di fare da “Cassa di risonanza” della loro lotta e resistenza martedì in piazza Principe di Piemonte, Grottaglie, dalle 18 alle 20.

Sono già stati fatti presidi a Martano e a Salve (LE), a Lecce, a Bari, a Roma, con adesioni autorevoli, prima fra tutte L’Anpi.

Marzia Benicchi per Arci Grottaglie, Antonio Luceri ( Pati) per Comitato Solidale Grup Yorum.


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento