Magna Grecia Festival, successo per il “Nino Rota Tribute” e prossimi apuntamenti

Condividi

L’Orchestra della Magna Grecia diretta dal maestro Maurizio Lomartire, protagonisti Stefano Pietrodarchi (bandoneon), Sara Intagliata (soprano), Antonio Mandrillo (tenore). Omaggio al grande compositore milanese e alle musiche di Puccini, Morricone e Piazzolla. Protagonisti richiamati due volte sul palcoscenico. Prossimo appuntamento domenica sera, spettacolo doppio al Molo Sant’Eligio con “Note da Oscar”. Ingresso con inviti. Pubblico invitato all’autocertificazione Covid-19.   

Maurizio Lomartire, direttore

TARANTO – E’ stato un successo annunciato il “Nino Rota Tribute”, l’omaggio celebrato mercoledì scorso dall’Orchestra Magna Grecia diretta dal maestro Maurizio Lomartire al grande compositore milanese che nel 1937 fu anche direttore dell’allora Conservatorio “Giovanni Paisiello” di Taranto. Fra i protagonisti della serata introdotta dal direttore artistico dell’OMG Piero Romano, e dal vicesindaco Fabiano Marti, il maestro Mario Stefano Pietrodarchi al bandoneon, il soprano Sara Intagliata, il tenore Antonio Mandrillo. A fine concerto gli artisti sono stati richiamati due volte sul palco. In un bis, Pietrodarchi al suo bandoneon ha regalato al pubblico le note suggestive di Astor Piazzolla.  Fra gli altri momenti musicali in programma, “Scuola di guida” e una suite dedicata a Rota (“I vitelloni”, “La strada”, “La dolce vita”, “8½”, “Amarcord”, fra le sue colonne sonore più note), “Oh, mio babbino caro” di Puccini (dal “Gianni Schicchi”), temi dalle colonne sonore di Morricone (“Nuovo Cinema Paradiso”, “Mission”, “C’era una volta il West”), “Oblivion” e “Vuelvo al sur” di Piazzolla.

Sono dieci gli eventi all’interno del Magna Grecia Festival, realizzato e promosso dalla stessa ICO, direzione artistica del maestro Piero Romano, insieme con il Comune di Taranto. Una serie di appuntamenti musicali di rilievo fortemente sostenuta dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e dal vicesindaco e assessore a Sport e Cultura, Fabiano Marti. Gli spettacoli hanno luogo nell’Arena della Villa Peripato e in alcuni dei lidi cittadini più affascinanti (Lamarée, Molo Sant’Eligio e Yachting Club).

Prossimo appuntamento con il Magna Grecia Festival: domenica 19 luglio con uno dei Concerti al tramonto al Molo Sant’Eligio, doppio spettacolo al quale si accede con invito, alle 19.45 e alle 21.15. In programma “Note da Oscar” con l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal maestro Giuseppe Salatino.

Il pubblico ammesso allo spettacolo all’ingresso dovrà consegnare il modulo di autocertificazione Covid-19 debitamente compilato (scaricabile dal https://tinyurl.com/modulocov

Mario Stefano Pietrodarchi

id o dal sito www.orchestramagnagrecia.it). Informazioni: Orchestra della Magna Grecia in via Giovinazzi 28 (10.00/13.00-17.00/20.00, ingresso la sera del concerto, 392.9199935), o mediante piattaforma Eventbrite.

Questi gli altri appuntamenti del Magna Grecia Festival: domenica 19 luglio, Molo Sant’Eligio (19.45 e 21.15): “Note da Oscar”, direttore Giuseppe Salatino (ingresso con invito); venerdì 24 luglio, “Pizzica, che musica!”, Lamarée Lido (spettacolo unico, ore 20.00), Mario Incudine chitarra e voce, direttore Valter Sivilotti (ingresso 5euro); domenica 26 luglio, “Astor Piazzolla”, Molo Sant’Eligio (19.45 e 21.15), direttore Nicola Colafelice (ingresso con invito); mercoledì 29 luglio, Arena Villa Peripato (21.00): “Attenti a Lucio”, Lorenzo Campani voce, Renzo Rubino voce e piano, Raffaele Casarano sax, direttore Giacomo Desiante (ingresso 5euro); mercoledì 5 agosto, Arena Villa Peripato (21.00): “I love musical”, Graziano Galatone, voce, Simona Galeandro voce, direttore Maurizio Lomartire (ingresso 5euro); sabato 8 agosto, Arena Villa Peripato (21.00): “Bacarach Forever”, Karima voce, direttore Domenico Riina (ingresso 5euro).

Informazioni: Orchestra della Magna Grecia, sedi di Taranto: via Giovinazzi 28 (lunedì/venerdì 10.00/13.00-17.00/20.00, 392.9199935), via Tirrenia n.4 (lunedì/venerdì 9.00/17.00;  099.7304422).

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento