DL semplificazioni, Cassese (M5S): nel decreto mia proposta per velocizzare iter approvazioni varianti

Condividi

Benefici immediati per 79 comuni pugliesi

 Roma – Il decreto Semplificazioni, che contiene misure decisive per modernizzare il Paese e rilanciarlo, all’articolo 54 contiene anche una mia proposta per velocizzare l’iter delle modifiche non sostanziali ai Piani per l’assetto idrogeologico in modo da consentire la conclusione dei procedimenti di Variante ai PAI in tempi non superiori ai sei mesi. Si tratta per me di un altro obiettivo raggiunto per risolvere una delle problematiche che vivono da anni moltissimi comuni del mio territorio, così come del resto del Paese. A beneficiare della norma introdotta saranno in Puglia ben 79 Comuni, e nell’area jonica, oltre a Taranto, i comuni di Martina Franca, Ginosa, Crispiano, Castellaneta, Massafra, Mottola, Palagianello, Statte, Fasano, Oria, che hanno già acquisito il parere favorevole della conferenza operativa alle ri-perimetrazioni.” Con queste parole di soddisfazione il deputato Gianpaolo Cassese (M5S) annuncia ai beneficiari del territorio jonico l’importante traguardo raggiunto con il decreto Semplificazioni, ora al vaglio del Senato.

“Attualmente per modificare i Piani stralcio per l’assetto idrogeologico, e dunque rivedere le perimetrazioni delle aree a pericolosità e rischio, come chiedono moltissimi Comuni, è necessario un procedimento la cui durata oggi è di oltre 3 anni. Un macigno burocratico che di fatto impedisce interventi, blocca risorse e fa perdere finanziamenti europei. La misura introdotta – spiega Cassese –  elimina 4 passaggi dell’attuale procedura, compreso quello alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che verranno sostituiti da un unico atto dell’Autorità di bacino d’intesa con la Regione territorialmente competente. Ciò consentirà di ridurre sensibilmente i tempi anche per realizzare interventi di tutela per quelle area attualmente a rischio idrogeologico che non risultano vincolate nell’ambito dei PAI.”

“Sto ricevendo apprezzamenti sinceri da sindaci non solo del mio territorio, ma anche di altre Regioni soprattutto del Sud, dove risultano bloccate centinaia di procedure e piani urbanistici in attesa della modifica alle perimetrazioni idrogeologiche” aggiunge il deputato.

“L’auspicio è che questa norma venga mantenuta in sede di esame del provvedimento in Senato e che il decreto venga convertito prima possibile in legge, poiché i benefici previsti dall’articolo 54 per i territori saranno immediati” conclude Cassese

On . Gianpaolo Cassese (M5S)
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento