PD Grottaglie: Ancora sulla questione IMU per i Comparti C, importanti novità

Condividi

Ora, in merito all’annosa questione dell’IMU per i Comparti C, non ci sono più paraventi o infingimenti per l’Amministrazione comunale di Grottaglie.

Anche la Legge Finanziaria dell’anno 2020 (n. 160 del 27.12.2019), nel ribadire la facoltà dei Comuni di regolamentazione in materia di IMU, ha stabilito (art. 1, comma 777, lettera d), tra l’altro, di determinare, periodicamente i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, in base a criteri improntati all’obiettivo, precipuo, di ridurre al massimo l’attivazione di contenziosi.

È una misura che viene incontro alle legittime esigenze di tanti cittadini, di diversi Comuni, tra cui il nostro, che già da tempo si vedono vessati da richieste di pagamento di valori IMU molto elevati rispetto alle reali potenzialità edificabili delle aree interessate.

Il caso del nostro Comune risulta, poi, alquanto “enigmatico” dato che l’Amministrazione comunale, capziosamente, non intende fare propria la valutazione, da tempo operata, da parte dell’Agenzia dell’Entrata, pur essendo, questa, proprio l’Ente deputato ad effettuare gli accertamento di valori nel caso di compravendite di immobili.

Attualmente, le aree comprese nell’attuale Comparto C, di fatto inedificabili per le note problematiche, hanno di per se un valore molto basso e già quello, a suo tempo, definito dalla stessa Agenzia delle Entrate non è più reale in quanto, com’è noto, in questi ultimi anni, il valore degli immobili è stato assoggettato ad una svalutazione di almeno il 30%.

Rimettere poi la soluzione della questione all’approntamento dei Sub Comparti, così come sembra abbia stabilito l’Amministrazione comunale, è comunque palesemente una falsa soluzione in quanto, nell’ipotesi che tali strumenti dovessero essere redatti ed approvati, nulla cambierebbe rispetto alle aliquote IMU già stabilite dal Comune; anzi, per logica, il valore delle stesse dovrebbe incrementarsi per l’intervenuta maggiore potenzialità edificabile delle aree interessate conseguente alla loro inclusione nel nuovo e più funzionale strumento urbanistico.

In conclusione, ora, la Legge Finanziaria del corrente anno, allo scopo di limitare le procedure di accertamento dell’imposta ed, essenzialmente, allo scopo di ridurre, al massimo, l’insorgenza del contenzioso con i cittadini, stabilisce la possibilità di regolamentare la determinazione periodica dei valori venali delle aree, effettivamente edificabili, in modo giusto ed equitativo.

L’Amministrazione comunale di Grottaglie, pertanto, ha un’altra opportunità, questa volta prevista espressamente da una legge dello Stato, per non persistere ulteriormente, a danno del Cittadini interessati, sulla via del contenzioso. Se ancora lo facesse, potrebbe configurarsi una lite temeraria che potrebbe comportare per l’Ente comunale risvolti probabilmente non piacevoli.

Partito Democratico di Grottaglie
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento