Consiglieri d’opposizione: “Lizzano e le varie problematiche della stagione estiva”

Condividi

L’Amministrazione Comunale di Lizzano continua nel suo avventuroso mandato come una piccola barca “rattoppata” nel bel mezzo di un mare in forte tempesta. Il paragone non è casuale, considerato il pieno periodo estivo, ed il riferimento appare quanto mai pertinente e doveroso.
Il 15 luglio (data indicata dal Sindaco quale giorno per l’inaugurazione del nuovo ponte “Ostone”) è ormai alle spalle, ma del ponte, ahinoi, ancora niente!!!
Ed è facile comprendere che, anche nella migliore ipotesi di un immediato completamento dei lavori, la struttura non sarà utilizzabile, per questioni tecniche, prima della fine di agosto, contro le originarie previsione di consegna dell’opera finita per metà gennaio scorso.
Ad ognuno le proprie considerazioni in merito alle pesanti conseguenze negative che la mancata esecuzione dell’opera nei tempi previsti ha comportato, comporta e comporterà per il resto della stagione estiva (speriamo solo quella); dalle evidenti difficoltà per i comuni fruitori delle nostre spiagge, ai pesanti danni economici sofferti dalle attività esistenti lungo la marina; per non parlare dell’impossibilità di operare al meglio da parte degli addetti ai mezzi di soccorso e/o delle forze dell’Ordine che, in caso di necesssità, potranno intervenire con notevoli ritardi.
Ma estate non è solo ponte “Ostone”.
Estate è il lungo ed evidente disservizio che stiamo ancora vivendo a causa della scarsissima qualità del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, sistematicamente presenti ed evidenziati lungo l’intero litorale, che danno l’immagine di una realtà lizzanese altamente negativa che la nostra comunità non merita assolutamente. Quest’anno, inoltre, abbiamo dovuto subire, grazie anche ad un inaccettabile atteggiamento passivo dell’amministrazione D’Oria, un mese di ritardo per la “contorta” assunzione dei lavoratori stagionali addetti a tale servizio, da parte della ditta affidataria. Anche questo i nostri amministratori dovranno spiegare nelle sedi opportune.
Estate è anche impossibilità di accesso alle spiagge libere, a causa della mancata realizzazione delle passerelle per i diversamente abili. Ma non solo, perchè a causa della folta vegetazione esistente, che molte volte limita fortemente l’accesso anche ai normodotati, non si è mai eseguito un intervento di pulizia e/o taglio delle erbe.
E’ degli ultimi giorni l’increscioso episodio verificatosi riguardo l’incendio di erbe infestanti, a ridosso del parcheggio “Mascia” in località Bagnara, abbandonato a se stesso e che, fortunatamente, non ha provocato danni alle vicine abitazioni.
Estate è “cedimento”, per fortuna parziale, di piazza “Bagnara” che, nella più rosea veduta dello stato dei luoghi, ci si è limitati a sistemare una approssimativa recinzione dell’area.
Estate è il restringimento del tratto di litoranea verso lido “Palmintiello”, a causa della mareggiata (avvenuta nel lontano novembre 2019), che ha danneggiato fortunatamente solo una fascia della carreggiatata stradale, altrimenti oggi staremmo a parlare di un altro tratto di strada chiuso.
Ci sarebbe ancora altro da aggiungere, ma ci limitiamo a queste considerazioni che, a nostro parere, rappresentano solo gli aspetti più macroscopici delle problematiche che Lizzano sta vivendo nel pieno del periodo estivo, che avrebbe dovuto rappresentare, come per tutti gli altri comuni costieri e non, il periodo di vero rilancio turistico-economico per la nostra comunità specie, ricordiamolo, a seguito del precedente periodo vissuto, fortemente segnato dall’emergenza sanitaria, sociale ed economica provocata dal Covid-19.
Lizzano è fortemente delusa per l’incapacità politico-amministrativa dimostrata dall’Ammnistrazione D’Oria, a maggior ragione per i mancati raggiungimenti degli obiettivi e delle tante promesse elettorali sbandierate.
Questa amministrazione abbisogna di una forte scossa (forse un miracolo) per far uscire Lizzano da uno dei più bui (se non il più buio) periodi della propria storia.
I consiglieri comunali
Massimo Berdicchia                Carmelo Bottazzo              Chiara Caniglia
Angelo De Lauro           Piera Gallo         Gianluca Lecce             Ilaria Saracino
 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento