Fitto e la lotta alle chiacchiere sul caso Leonardo spa

Condividi

Si è tenuto ieri 24 luglio presso le Cave di Fantiano di Grottaglie un incontro organizzato dalla Uilm per fare il punto della situazione sul destino dello stabilimento aeronautico Grottaglie. Hanno preso Parte all’incontro Davide Sperti, Segretario Uilm Taranto e RSU Uilm Leonardo Grottaglie, l’Assessore allo sviluppo economico della Regione Puglia Cosimo Borracino, il Parlamentare europeo e Candidato alla presidenza della Regione Puglia Raffaele Fitto, l’on Giampaolo Cassese, Rocco Palombella Segretario Generale Uilm nazionale, ed in rappresentanza della azienda l’ing Rosetti.
Locandina dell’evento
La serata ha preso da subito una piega anomala, perché nel suo intervento iniziale l’ing Rosetti ha dichiarato che la Leonardo spa sta attraversando una fase di rallentamento della produzione causata dalla emergenza Covid, ma ha tranquillizzato tutti sulla buona tenuta del programma di produzione delle fusoliere del 787 Boeing, nonchè sul fatto che passato il rallentamento congiunturale la produzione tornerà ai suoi livelli standard per molto tempo ancora.
Nessun problema occupazionale quindi, se non qualche lieve aggiustamento temporaneo che al momento però non lascia intravedere il ricorso ad ammortizzatori sociali.
Tutto bene quindi. Cosa che ha spiazzato non poco i politici presenti, tra cui i Sindaci di Grottaglie e Monteiasi che avevano offerto la loro collaborazione per la mobilitazione generale.
L’Assessore Borracino si è messo a impiastricciare parole su possibili interventi futuri, che allo stato nessuno ha capito ed a cui nessuno ha creduto.
L’On Cassese ha avuto una clamorosa caduta di stile perchési è messo a fare un comizio in pieno stile elettorale enumerando i numerosi interventi che il Governo ha intenzione di operare in futuro nella intera provincia di Taranto con i soldi stanziati dal Recovery Fund, al punto che il moderatore è stato costretto a richiamare Cassese all’ordine per far sì che si attenesse all’oggetto della serata e, a quel punto Cassese si è limitato a promettere finanziamenti come suo solito, ma senza specificare che in assenza di interventi mirati e progetti concreti tutto il denaro del mondo sarebbe inutile, perché non verrebbe stanziato.
L’unico politico che si è distinto dicendo cose concrete è stato l’On Fitto che ha rivendicato il fatto che lo stabilimento Leonardo di Grottaglie, prima Alenia, non è nato per caso nella nostra terra, o per usare le sue parole, non si è posato come una piuma bianca sul grande prato verde che si estendeva prima della edificazione, ma è stato il frutto di un serrato braccio di ferro tra lui, allora Presidente della Regione Puglia ed il Presidente della Regione Campania Bassolino che voleva far sorgere lo stabilimento a Bagnoli, allargando lo stabilimento aeronautico già all’epoca esistente.
Uno scontro duro e violento che fu vinto dalla Puglia grazie all’opera del Presidente Fitto che mise sul tavolo della trattativa un finanziamento regionale di 130 milioni di euro a sostegno di un dettagliato piano infrastrutturale per la creazione di servizi e vie di collegamento.
Noi Grottagliesi ricordiamo che l’area fu completamente stravolta con deviazione della strada provinciale 7 ter, giusto per fare un esempio.

Tuttavia, come ricorda Fitto, da allora la politica non ha fatto nulla per incentivare l’incremento della produzione nello stabilimento di Grottaglie e dal canto suo la Leonardo spa ha deviato tutti i suoi investimenti in ricerca e produzione presso gli altri stabilimenti, Bagnoli in primis, ma anche altrove, come attestato dal recente finanziamento dello stabilimento Leonardo spa in Piemonte.
Studiando il piano industriale della Leonardo spa si capisce quindi che la produzione di Grottaglie è frutto di quell’intervento pubblico della Regione Puglia nel 2005, ma da allora in poi la azienda non ha mai creduto nello stabilimento di Grottaglie, prova ne è il fatto che ha attivato il solo programma di produzione della fusoliera del 787.
Abbiamo quindi uno stabilimento mono committente e mono produzione che per queste sue caratteristiche è ovviamente troppo esposto agli andamenti di mercato a cui è soggetto un singolo prodotto commerciale.
Cosa ben diversa avviene nello stabilimento Airbus di Mola di Bari dove le linee di produzione sono molte e la produzione è diversificata, dalla aeronautica all’aerospazio.
L’On Fitto ha quindi ricordato che la politica virtuosa non deve rimanere un caso isolato, ma divenire buona pratica quotidiana, cosa questa che a livello regionale in Puglia non è avvenuto, se solo si consideri che nello specifico caso della Leardo spa, negli ultimi 15 anni nulla si è aggiunto a quanto era in programma nel progetto iniziale.
Ha concluso la serata il Segretatio Generale Uilm Rocco Palombella, che dopo aver riconosciuto i meriti della amministrazione Fitto nella creazione dello stabilimento di Grottaglie ha puntato l’indice contro la politica, incapace a suo dire, e come dargli torto, di creare una rete infrastrutturale capace di far decollare l’economia al sud, basti pensare alla viabilità stradale con una autostrada che si ferma a Massafra e rende difficoltoso il raggiungimento di Grottaglie, basti pensare alla grande occasione perduta dal porto di Taranto nell’intercettare il mastodontico flusso di merci che transita davanti alle nostre coste sulla cosiddetta via della seta.
Insomma, le condizioni geopolitiche sono favorevoli per avviare una rinascita del sud, i soldi, siano essi nazionali o europei ci sono, ora siamo in attesa di trovare una classe dirigente che sostituisca i fatti alle parole e si faccia interprete di un Sud che non va più alla ricerca di assistenzialismo ma vuole diventare il volano della economia nazionale grazie alla centralità della sua collocazione nel mediterraneo e grazie alla ritrovata centralità del mediterraneo nello scacchiere commerciale internazionale.
La ricerca è iniziata, le elezioni sono alle porte, speriamo solo che gli elettori pugliesi sapranno scegliere responsabilmente quale strada imboccare nella fondamentale scelta tra chiacchiere e buona politica.
Ettore Mirelli
 

Condividi

Ettore Mirelli

Avvocato, poeta e scrittore

Lascia un commento