Serata dedicata alla Luna, al Parco del Sorriso a Grottaglie

Condividi

Metti una afosa  serata di agosto, mitigata da un piacevole venticello, un gruppo di amici, un bel pezzo di luna che si staglia nel cielo stellato, e tanta poesia e musica nella serata dedicata al romantico pianeta della Terra, con questi ingredienti ieri sera 1 agosto è andato in scena, nella magica location del Parco del Sorriso a Grottaglie,  uno spettacolo  ideato e condotto da Nicola Tanzi, “Perché la Luna – Cantori della notte”, seconda tappa del “Open Beauty Festival” organizzato dall’Associazione ARCA, presidente Anna Maria D’Urso.

Gli invitati e i soci dell’Associazione hanno assistito a vare performance musicali e di recitazione di poesie, l’inizio del live music è cominciato con  “Luna Rossa” cantata splendidamente da “The smile Band” (Paolo Volpe, Noris Calí, Rosalba Masella e Giovanna Causo) con l’apporto tecnico Nicola Manica , poi dopo tanta musica e poesie recitate da vari ospiti. Per l’occasione Ciro Todisco ha scritto una poesia dedicata alla Luna e a tutti gli ospiti del Parco del Sorriso, che in questo luogo ogni giorno trovano accoglienza, serenità e amicizia, brillando come stelle.

La Giuria composta da Cosimo Luccarelli (Presidente Anteas Grottaglie) e Lilli D’Amicis (Presidente SocialMediaAps), a fine serata  hanno stabilito che le star della serata senza alcun dubbio sono stati i “The Smile Band”. 

E subito dopo a pari merito il conduttore della serata Nicola Tanzi e il poeta/cronista Ciro Todisco.

ALL’INIZIO VI ERA SOLO LA LUNA

Pur se abbracciati

dallo stesso universo

ognuno

ha un proprio cielo

in cui perdersi:

un cielo ora stellato

ora nuvolo

oppur d’un buio pesto rivestito.

 

Ed in questo personale cielo

ci sei tu,

luna:

a volte sei sfolgorante

come la gioia,

o nascosta dalle nubi

come i dubbi,

oppure,

notti buie senza di te

come il più nascosto dolore.

 

Si narra che,

pietoso, il buon Dio,

le infinite ed intime emozioni

dalla luna ispirate

tutte le raccoglie

e nel cielo le incolla,

quelle belle

e quelle meno belle

a formare

le infinite stelle.

 

(Ciro Todisco)

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento