APERTAMENTE. Cari ragazzi di Sistema Museo vi scrivo… di Lilli D’Amicis

Condividi

Cari ragazzi di Sistema Museo, in tutte le occasioni in cui vi siete impegnati in collaborazioni per varie iniziative, sia personalmente che come testata giornalistica ho sempre osservato con occhio attento il vostro operato, ritenendovi un valore per la nostra comunità. Vi parlo cuore a cuore, con un dialogo pari a quello che farei con i miei figli.

In questa specifica occasione, sembra che il vostro impegno sia stato oggetto di una distrazione, di una banale quanto drammatica dimenticanza.  Mi rincresce ammettere che durante la première non siete stati menzionati né ringraziati, eppure sappiamo tutti con quanto entusiasmo vi siete spesi: l’entusiasmo della giovinezza. Sia io che tanti miei coetanei  abbiamo iniziato a lavorare con tanto entusiasmo, eravamo all’esordio delle nostre carriere, alla cosiddetta gavetta, quando andava bene con compensi quasi ridicoli, ma spesso gratis, pur di “fare esperienza”, perché qualcuno ci faceva sentire importanti, perché in cuor nostro volevamo dare un contributo, lasciare un segno, volevamo poter dire “c’ero anch’io”. Questo va bene fino a un certo punto, perché quando si ha poco più di vent’anni ci basta la gloria, e un “grazie”.

In questa occasione sembra che il grazie non sia arrivato. Non ho sentito i vostri nomi, non ho sentito parlare di tutto il vostro lavoro faticoso, umile, impegnativo dietro le quinte perché la serata dell’inaugurazione e tutta la durata del XXVII Concorso riuscissero al meglio. È come al teatro dell’Opera: ci sono i cantanti solisti, il coro, l’orchestra e poi ci sono i tecnici luci, i truccatori, i costumisti, i falegnami, i carpentieri… se non c’è chi si impegna dietro le quinte lo spettacolo non va in scena, e neanche le star possono  esibirsi e dare vita alla magnificenza artistica che il pubblico si aspetta. Lungi da me dal pensare che vi sia stato negato con intenzione, però sono consapevole per esperienza diretta e sono convinta oltre ogni ragione che un lavoro vada riconosciuto, qualunque esso sia, io amo scrivere spesso con l’#dateACesare.

Sul piano umano siamo tutti uguali, abbiamo pari dignità, e chi si fa grande davanti a noi è solo perché dentro si sente piccolo piccolo. Voi, miei cari ragazzi, per me siete grandi, lo siete sempre stati per quello che fate, ed oggi ritengo giusto onorare il vostro impegno pubblicamente, ponendo rimedio a questa “distrazione” che, percepisco, vi ha creato della sofferenza. A conforto di quello che scrivo, vi invito a rileggere criticamente quanto scritto in questi giorni su Oraquadra: in tutti gli articoli non c’è una sola parola, e dico una sola, che sia di biasimo e di critica nei vostri confronti. Anche quando si sono verificati episodi incresciosi, nessuno di noi vi ha offesi, ingiuriati e/o mortificati. Questo perché intanto non è nel nostro stile, e poi perché non è neanche nelle nostre intenzioni. Noi facciamo libera informazione e ci sforziamo di garantire a tutti il diritto di cronaca, quel diritto all’informazione che è sancito e tutelato dalla Costituzione italiana.

Non vi ha ringraziato nessuno? Vi ringrazio io. Vi ringrazio con affetto, ammirazione, stima, riconoscenza, comprensione. Vi ringrazio tutti, e mi accomiato da voi con un consiglio “da mamma”: non dimenticate mai il vostro valore, non dimenticate di ricordare agli altri il vostro valore, fatevi rispettare ma fatelo sempre con la gentilezza e con il dialogo, perché il vero forte parla pacatamente; il vero coraggioso guarda dritto davanti a sé senza abbassare lo sguardo. In questo modo non solo potrete vivere la legittima soddisfazione per tutto ciò che fate, ma potreste diventare un esempio virtuoso da imitare, una punta di diamante, un sole nelle vostre famiglie, nel vostro ambiente di lavoro, ovunque.

Si può rimanere giovani per tutta la vita, a patto che si rimanga fedeli a se stessi, liberi nello spirito e gioiosi nel cuore.

 


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Lilli D'amicis

Lilli D'amicis

Lilli D’Amicis - giornalista - Arcangela Chimenti D’Amicis, così risulta all’anagrafe di Grottaglie, dove è nata e dal 2010 risiede, dopo un’assenza di quasi 20 anni, ma tutti la conoscono come Lilli D’Amicis, giornalista senza peli sulla lingua, dal 1984 esercita una delle professioni più affascinanti, il giornalismo appunto, un’attività che principia come corrispondente al Corriere del giorno di Taranto, grazie al quale, nel 1986, ottiene l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti di Puglia e da allora comincia una fitta attività in giro per l’Italia, ricoprendo vari ruoli sempre nell’ambito della comunicazione giornalistica. Ha collaborato nei Tg di Videolevante di Taranto, Retepuglia, Trcb e Puglia Tv tutte emittenti del brindisino. A Puglia tv realizza il primo tg fatto dai bambini delle scuole elementari di Brindisi, un successo ed una novità che la portò a Sanremo, in una Convegno nazionale ACLI per parlare di questo singolare esperimento. Poi trasferitasi al nord, a La Spezia, ha iniziato a collaborare con l’emittente televisiva Astro tv ed Uno Tv, nella prima ha realizzato e condotto programmi di approfondimento giornalistico, nella seconda invece ha ricoperto l’incarico di capo redattore, redigendo e conducendo Tg e programmi di approfondimento. A Roma ha collaborato a Il Tempo, redazione cronaca e poi spettacoli. Tornata in Puglia a Brindisi, è entrata a far parte della redazione giornalistica di Ciccio Riccio fm, dove realizzava 7 radio notiziari al giorno, e contemporaneamente teneva due rubriche di spettacolo, sul Corriere del Giorno di Taranto, da lei ideate “Radioascoltando” e “Televisionando”. Nel 1997 fonda un giornale cittadino, il mensile di varia informazione, ZOOM, tutto a colori, formato poket, con una tiratura di 2000 copie, con vendite che hanno toccato le 1500 copie, naturalmente oltre ad editore era anche direttore. Zoom fu all’epoca il primo giornale cartaceo ad avere un sito internet: www.zoomonline.it. Nel 2001 è costretta a chiudere il suo amato Zoom, dove si sono formati alcuni ragazzi, oggi giornalisti locali di talento, la chiusura fu dovuta anche a un furto nella redazione che mise in ginocchio le già magre risorse finanziarie del giornale. Dal 1998 firma le testate giornalistiche dell’emittente radiofonica “Ciccio riccio” e “Disco box”. Dal 2006 è addetto stampa di un Senatore di Puglia e dal 2000 fornisce il servizio di uffici stampa politici. Nel marzo del 2011 fonda un nuovo giornale, ma questa volta è solo on line: www.oraquadra.info e dal 2004 ha un blog di successo: www.tuttoilresto-noia.blogspot.com , già nel titolo è una leggenda, firme di studiosi ed intellettuali locali contribuiscono alla redazione di questo blog che conta una media di 1200 visitatori al giorno. Ha conseguito la maturità scientifica e diploma magistrale, non è riuscita a laurearsi perché il suo tempo oltre che dal lavoro giornalistico è stato impiegato a crescere i suoi due meravigliosi figli, avuti in giovanissima età e ai quali non ha voluto mai far mancare l’affetto del padre, suo marito Oreste, ufficiale della Marina Militare in carriera, sempre in giro per il mondo e lei appresso a lui con Michela oggi giovane avvocato e Giovanni pilota di aerei e istruttore piloti di linea.

Lascia un commento