Piero Bitetti sposa la battaglia contro lo sfruttamento nei call center

Condividi

Accolgo con favore e aderisco con assoluta convinzione all’appello lanciato dal segretario generale della Slc-Cgil Taranto, Andrea Lumino, in merito all’annosa questione dei call center.

Il sindacalista ha chiesto ai candidati al Consiglio regionale della Puglia di adoperarsi, qualora eletti, per far sì che a livello regionale venga recepito l’accordo nazionale sottoscritto tra Slc-Cgil, Fistel, Uilcom e Asstel che disciplina gli aspetti salienti della gestione e del funzionamento dei call center. Proprio questo accordo è stato recepito a livello territoriale con un protocollo siglato recentemente a Taranto.

L’obiettivo di mettere ordine e affermare sempre e comunque la legalità in questo comparto economico è certamente condivisibile. Le cronache troppo spesso raccontano di situazioni di sfruttamento inaccettabili, di condizioni di lavoro insopportabili e di stipendi da fame. Occorre vigilare e, appunto, intervenire con misure concrete per tutelare la dignità dei lavoratori e garantire al contempo il principio di leale concorrenza per le società operanti in questo settore.

Per queste ragioni, faccio mia la sollecitazione di Andrea Lumino il quale mi dà anche l’occasione di ribadire quanto più volte ho affermato in questi ultimi anni: la militanza politica e gli eventuali incarichi istituzionali che ne derivano devono poter essere ispirati al concetto di “sindacato del territorio”, inteso come difesa dei diritti e degli interessi delle persone e più in generale di una intera comunità.

È ciò che mi sforzo di fare per la Terra Ionica, è ciò che spero di fare per l’intera Puglia.

Taranto, 4 agosto 2020                                             Piero Bitetti

                                                                  Consigliere comunale e provinciale

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento