Legge elettorale, suddivisione dei seggi e soglie di sbarramento

Condividi

Le elezioni regionali in Puglia si svolgeranno nei giorni 20 e 21 settembre 2020. Il Consiglio Regionale della Puglia è composto da 50 consiglieri più il presidente.
Il sistema di voto è di stampo proporzionale a turno unico, il candidato governatore capace di ottenere anche un solo voto in più rispetto ai suoi avversario diventa il nuovo presidente.
I primi 23 seggi vengono ripartiti a livello circoscrizionale e i restanti 27 a livello di collegio unico regionale.
Quest’anno andremo al voto con la facoltà di esprimere la doppia preferenza di genere, questo significa che ogni elettore invece di esprimere un singolo voto di preferenza per un candidato della lista da lui votata, scrivendone il cognome sull’apposita riga posta a fianco del contrassegno, avrà la facoltà di esprimerne due, purché il secondo cognome indicato faccia riferimento a un candidato di sesso opposto al primo, pena l’annullamento della seconda preferenza. Inoltre, è possibile votare per una lista e per un candidato presidente non collegati fra loro: “voto disgiunto”.
Alle liste collegate al presidente eletto viene eventualmente assegnato un premio di maggioranza nella seguente misura: 29 seggi nel caso il presidente eletto abbia ottenuto una percentuale di preferenze superiore al 40%; 28 seggi nel caso il presidente eletto abbia ottenuto una percentuale di preferenze compresa fra il 35% e il 40%, invece se scende sotto il 35% gli verranno assegnati 27 consiglieri. La legge prevede una soglia di sbarramento dell’8% dei votanti per le coalizioni e le liste che si presentano da sole e del 4% dei votanti per le liste che si presentano in coalizione.
Votate con il cuore e con la mente.
Buon voto !!!
Davide De Fazio
 

Condividi

Lascia un commento