Taranto, interventi di pulizia delle caditoie in città

Condividi

TARANTO – Gli operatori di “Kyma Ambiente – Amiu” questa mattina hanno effettuato diversi interventi di pulizia delle caditoie lungo le strade della città. Numerose le vie interessate dal lavoro di spazzamento manuale e meccanico per liberare i tombini da possibili ostruzioni.
Il nubifragio che si è abbattuto ieri pomeriggio su Taranto ha richiesto un ulteriore sforzo ai nostri operatori, che oggi hanno tempestivamente provveduto a ripulire le zone più a rischio e quelle ad alto scorrimento.

Gli operatori Kyma Ambiente-Amiu lavorano con il massimo impegno, nonostante i cittadini sporchino davvero tanto la loro città (come ben visibile da queste foto)

In viale Jonio sono intervenute le spazzatrici meccaniche per liberare la sede stradale dagli accumuli di secco di aghi di pino e di altri rifiuti.
Altri interventi sono stati effettuati in via Mazzini, via Leonida, via Grandi, via Temenide, via Diego Peluso, piazza Ramellini, viale Virgilio, via Ancona, Corso Italia, via Alto Adige e via Salinella.
«L’intervento dei nostri operatori – ha dichiarato il presidente Giampiero Mancarelli – si è reso necessario in presenza di allerta meteo, e come accade sempre in questi casi hanno ripulito la sede stradale in prossimità delle caditoie e in superficie. Questo tipo di interventi viene effettuato a seguito di allerta meteo, sia in via preventiva che successiva, per liberare le caditoie da possibili ostruzioni».

Operazioni scrupolose di pulizia delle bocche delle caditoie da detriti e foglie secche in prossimità di Via Ancona e Viale Jonio

 

 

 

 

Pulizia manuale e con l’ausilio di mezzi specifici dedicati

 

…e i risultati si vedono: caditoie perfette. Ai cittadini, l’invito a non abbandonare rifiuti per le strade, riflettendo sul duro impegno degli operatori di Kyma Ambiente-Amiu

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento