Xylella, Fitto: manca una visione complessiva e futura, si rincorrono le emergenze

Condividi

Di seguito la dichiarazione del candidato presidente del centrodestra per la Puglia, Raffaele Fitto

“Il futuro è di chi lo sa immaginare, non dei burocrati, di chi rincorre le emergenze con i codicilli in mano. La Xylella che a Fasano ha colpito altri 15 olivi avvicinandosi sempre più a Monopoli, gli olivi bruciati nel sud Salento, il reimpianto da oliveto a vite negato ad un imprenditore salentino da chi pensa di tutelare un paesaggio che non esiste più e che mette a rischio i fondi del PSR, sono tutti parte di un unico problema: la mancanza di una visione complessiva di rigenerazione del territorio. La responsabilità è di chi in tutti questi anni non ha compreso che il batterio non ha distrutto solo alberi, ma soprattutto un paesaggio che era attrattivo anche dal punto di vista turistico. La devastazione prodotta sul nostro territorio con il diffondersi del batterio ha di fatto sconvolto un sistema plurisecolare. Pensare di rincorrere le emergenze anche in Agricoltura è stato un grandissimo errore che ha prodotto danni per circa 2 miliardi di euro con oltre 20 milioni di olivi ammalati.

A questo risultato, ribadisco, si giunge per una mancata visione generale da parte di Emiliano: l’Agricoltura da sola non può determinare lo sviluppo di un territorio.

Il mio impegno sarà, quindi, quello di sensibilizzare tutte le Istituzioni interessate, ad iniziare dai sindaci, i produttori agricoli, le loro Organizzazioni e la cittadinanza in generale al fine di predisporre un vero piano di Ricostruzione del territorio che coinvolga l’agricoltura e tutte le altre attività economiche presenti (turismo, artigianato, commercio, piccola e media industria, servizi).

Se il futuro è di chi lo sa immaginare… ci? che io immagino è quello in cui tutti quanti insieme possiamo condividere i traguardi da raggiungere, in questo caso i protagonisti indiscussi saranno gli agricoltori!”

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento