Borraccino:”L’UTIN di Taranto non chiuderà”. La conferma arriva dal Dirigente ASL, Stefano Rossi

Condividi

“La terapia intensiva neonatale del SS Annunziata non chiuderà”. A scriverlo sulla sua pagina Facebook è Mino Borraccino, assessore allo sviluppo economico della Regione Puglia.
 Ecco le dichiarazioni di Stefano Rossi, DG della ASL TA.
“Vorrei precisare innanzitutto che non chiude nulla.
Tutto nasce da una nota dell’Anaao che ha paventato la chiusura dell’Utin a seguito della concomitante assenza per motivi di salute di ben tre medici, primario compreso.
Abbiamo dato ad interim la responsabilità del reparto al dott. Valerio Cecinati, primario di Oncologia pediatrica, e abbiamo serrato la cinghia di trasmissione con l’omologo reparto del policlinico di Bari, con cui già l’Utin di Taranto è in rete, mediante il sistema di Hub e Spoke.
Tutto questo per consentire, nonostante la gravissima carenza di medici pediatri in generale e neonatologi in particolare, di mantenere in funzione ed in sicurezza l’Utin di Taranto.
Questa scelta, seppur legata alla indisponibilità di medici pediatri, si ascrive in quella più ampia di fornire ai pazienti, anche ai neonati, le migliori cure possibili, attraverso una relazione tra Hub (il centro ad altissima specializzazione, il Policlinico di Bari) e Spoke (ospedali che, sempre in contatto con l’hub, possono dedicarsi ai casi più semplici, come quello di Taranto)”.

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento