Angoli noti e meno noti del nostro Sud

Condividi

Bastano pochi chilometri ed è possibile raggiungere posti davvero incantevoli lontani dal traffico cittadino ed immersi in una natura incontaminata. L’emergenza epidemica ha limitato i nostri spostamenti, ma la pausa vacanziera si è rivelata ugualmente ricreativa ed a costi contenuti per i tanti turisti anche se solo per poche ore. Il Sud d’ Italia è un territorio ricco di storia dove le bellezze paesaggistiche la fanno da padrone. Varia e composita risulta essere l’offerta turistica nei luoghi graziati da una natura davvero lussureggiante. Il territorio lucano, nella regione Basilicata, offre infinite occasioni per rigenerarsi, immerso com’è in un paesaggio fiabesco come la piccola frazione di Rionero in Vulture, Monticchio, nota località per la produzione su scala nazionale dell’acqua minerale. Il suo nome è legato ai famosi laghi circondati da una vegetazione rigogliosa e dai colori vivaci che sollecitano non solo la vista, ma che inebriano l’olfatto con il profumo del sottobosco che cresce spontaneamente. Piccole strutture ricettive, alcune dismesse probabilmente in crisi a causa dell’emergenza sanitaria, costituiscono una risorsa unitamente all’artigianato ed alla gastronomia, nonché al turismo religioso per quel luogo di culto come la badia dedicata all’arcangelo Michele. Quest’ultimo complesso architettonico nasce da un originario impianto benedettino, importante centro di pellegrinaggio di età medievale della frazione di Monticchio.

All’interno dell’edificio è possibile visitare un’antica grotta del IV e III sec. a. C. Il santuario di origine rupestre è posto a fianco della montagna vulcanica dove sono incastonati i meravigliosi laghi. Numerose sono le aree attrezzate a pic- nic dove i gruppi familiari ed amicali si riuniscono per trascorrere una giornata a contatto diretto con la natura per quel sano divertimento dell’uscita fuori porta. L’area, a fronte del potenziale paesaggistico e naturalistico, andrebbe rispettata maggiormente da tutti coloro che la fruiscono in accordo con le regole del vivere civile per la tutela e l’equilibrio ambientale.

Ester Lucchese

 

Condividi

Lascia un commento