Durante la Campagna addestrativa è stato dato il nome del corso degli allievi ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno (anno 2019)

Condividi

Durante la navigazione su Nave Vespucci, oggi a Taranto, al termine della campagna addestrativa i ragazzi/allievi ufficiali hanno scelto il nome Esperia  e il logo del loro corso, una tradizione marinara  che dura da decenni.  I  cadetti si sono gemellati con un corso di 50 anni fa, i Llevantades, entrati in accademia, appunto, nel 1969.
Di seguito  il messaggio inviato dal Com.te Lucafò ( Comandante alla classe) all’Ammiraglio  Gigi Binelli Mantelli ( Capo del Corso Llevantades e già Capo di Stato Maggiore della Difesa), relativo alla nascita e al nome del Corso 2019.
Il vessillo del corso Esperia issato per la prima volta sul Vespucci
Caro Ammiraglio, ho il piacere di comunicarle che oggi 19 agosto a bordo del Vespucci, in navigazione nel Mar Ionio, è nato il corso Esperia.
Ho il piacere di inviarLe il  seguente testo, che prego di estendere a tutti gli Ufficiali del corso Llevantades, ai quali rivolgo un sincero ringraziamento da parte mia e di tutti gli allievi 1^ classe del corso Esperia

«IL GIORNO 19 AGOSTO 2020, ALLE ORE 1000B IN POSIZIONE 38 52 5`N 017 08 8`E CON UNITA` IN NAVIGAZIONE NEL MAR IONIO, GLI ALLIEVI DELLA PRIMA CLASSE HANNO ISSATO LA PROPRIA BANDIERA SULL`ALBERO DI MAESTRA DI NAVE AMERIGO VESPUCCI E, CON LO SGUARDO FIERO RIVOLTO VERSO L`ITALIA, HANNO GRIDATO PER LA PRIMA VOLTA AI FLUTTI IL NOME SCELTO: ESPERIA.

ESPERIA PER GLI ANTICHI GRECI INDICAVA L`ITALIA, IN ASSONANZA ALLA STELLA VENERE CHE AL TRAMONTO TRAGUARDAVA L`OCCIDENTE. LE TERRE DELLA PENISOLA ITALIANA RAPPRESENTAVANO PER LORO UNA POSSIBILITA` DI RINASCITA E DI RISCATTO. MOSSI DA QUESTA SPERANZA, QUEL POPOLO DI GUERRIERI E NAVIGATORI HA ARMATO LE PRORE DELLA PROPRIA FLOTTA E, GUIDATO DAL CORAGGIO DELLE SUE GENTI, HA SOLCATO LE ACQUE SCONOSCIUTE E AVVERSE DEL MARE CHE LO SEPARAVA DAL SUO DESTINO. IL MARE HA INSEGNATO LORO CHE SANGUE E SUDORE ERANO GLI UNICI MEZZI PER OTTENERE LA GLORIA.
ALLO STESSO MODO, GLI ALLIEVI DELLA PRIMA CLASSE DEL CORSO ESPERIA HANNO SAPUTO AFFRONTARE LE SFIDE DEL PRESENTE PER COGLIERE LE PROMESSE DEL FUTURO, IN UNA NAVIGAZIONE UNICA NEL SUO GENERE CHE HA INTERESSATO LE STESSE TERRE TOCCATE NEL PASSATO DA COLORO CHE CONSIDERANO I LORO PREDECESSORI.
MA LA LORO ESPERIENZA SUPERA I CONFINI APPENA DELINEATI, UNENDOSI E COMPLETANDOSI NEL SENSO DI RINASCITA, INDIVIDUALE COME COLLETTIVA. DI QUI NASCE LA SCELTA DEL MOTTO DEL CORSO: EADEM MUTATA RESURGO, LETTERALMENTE RISORGO UGUALE EPPURE DIVERSA.
LE DIFFICOLTA` INCONTRATE LI HANNO INFATTI CONDOTTI AD UN CAMBIAMENTO, DA CUI RIEMERGONO PIU` FORTI NELL`UNITA` DELLE LORO RADICI: NAVE VESPUCCI LI HA ACCOLTI COME ALLIEVI CHE AVEVANO PASSATO I PRECEDENTI MESI DIVISI MATERIALMENTE L`UN L`ALTRO, SENZA LA POSSIBILITA` DI MATURARE A FONDO DA VICINO QUELLO SPIRITO DI CORPO ALLA BASE DEI VALORI DELLA MARINA MILITARE.
LA BANDIERA DEL CORSO ESPERIA, CHE DALL`ASTICCIOLA DELL`ALBERO DI MAESTRA OGGI SVENTOLA ALTA E FIERA, E` DI COLORE BLU SAVOIA. AL CENTRO DEL DISEGNO CAMPEGGIA ESPERIA, L`ITALIA, RAPPRESENTATA DA UNA QUERCIA ARROCCATA SU UN`ISOLA, SFERZATA DALLA FURIA DELLE ONDE, E GERMOGLIATA NUOVAMENTE RIGOROSA DALLE SUE PROFONDE RADICI, FORTE DELLA SUA GIOVINEZZA.
DAL MARE EMERGE FIERA L`HYDRA, LA MAESTOSA CREATURA CHE, MORENDO SE DECAPITATA, RINASCE IN SE` STESSA, PIU` FORTE, DUPLICANDO LE SUE FORME.
L`HYDRA E` RAFFIGURATA ANCH`ESSA AL CENTRO ED E` POSTA A PROTEZIONE DELLA QUERCIA, PROPRIO COME NELLA MITOLOGIA GRECA ERA IL POSSENTE DRAGO LADONE A PROTEGGERE CON LE SUE SPIRE IL GIARDINO DELLE ESPERIDI.
IL MAESTOSO ALBERO PORTA SUL SUO TRONCO L`EFFIGE DI GENOVA IN OMAGGIO ALL`ENORME FORZA D`ANIMO DIMOSTRATA DAL NOSTRO PAESE PER RIPARTIRE E COLMARE COSI` UNA DELLE CICATRICI PIU` PROFONDE DEGLI ULTIMI ANNI, DANDO PROVA DI QUESTO CON LA RICOSTRUZIONE IN BREVISSIMO TEMPO DEL PONTE SAN GIORGIO.
QUESTA MAESTOSA STRUTTURA E` STATA INAUGURATA ALLA PRESENZA DEGLI ALLIEVI DEL CORSO ESPERIA CHE SONO STATI AMBASCIATORI INSIEME ALL`EQUIPAGGIO DEL VESPUCCI DURANTE TUTTA LA CAMPAGNA D`ISTRUZIONE DEL MESSAGGIO DI UNITA` NELLE ACQUE NAZIONALI, PREVALENTEMENTE
SPINTI DAL VENTO DI OCCIDENTE.
L`HYDRA, CHE ESPRIME PERFETTAMENTE SIA L`UNITA` DI CORSO CHE DI INTEGRAZIONE NEL GRANDE EQUIPAGGIO DELLA MARINA MILITARE RAGGIUNTI DAGLI ALLIEVI, PRESENTA SI` MOLTEPLICI TESTE, MA SEMPRE UN SOLO CORPO CHE MANIFESTA LA SUA FORZA E RESILIENZA NELLA CAPACITA` DI RINASCERE, ADATTARSI E MIGLIORARSI PER FAR FRONTE ALLE DIFFICOLTA` E ALLE CIRCOSTANZE ESTERNE.
COSI` IL CORSO ESPERIA, FORMATO DA MOLTE ANIME, MA DA UNA SOLA GRANDE IDENTITA`, SI RICONOSCE PIENAMENTE NELLA CREATURA CHE, PIU` DI TUTTE, E` SINONIMO DI PLURALITA` NELL`UNITA`.
NELLA BANDIERA VI E`, INOLTRE, TESTIMONIANZA DELLA RICONOSCENZA AI CORSI DI ACCADEMIA, CHE LUNGO IL PERCORSO INTRAPRESO FINO AD ORA, NON LI HANNO MAI LASCIATI SOLI E CHE VEGLIERANNO PER SEMPRE SU DILORO.
NEL CIELO STELLATO, INFATTI, SI STAGLIA L`ASTERISMO INCONFONDIBILE DELLO SCORPIONE, NOME DEL CORSO CUI APPARTIENE IL LORO COMANDANTE ALLA CLASSE.
IL VESSILLO IN BASSO RECANTE LA SCRITTA ESPERIA E` SORRETTO DA DUE SOLIDE COLONNE VERDI INCISE DA UN PROFONDO GRAFFIO IN AMARANTO, SIMBOLI DEI CORSI CHE, CON L`ESEMPIO, HANNO CONTRIBUITO ALLA LORO CRESCITA PROFESSIONALE. SULLA SINISTRA, CADE DAL CIELO UN FULMINE, LA CUI PECULIARE FORMA RICHIAMA L`INIZIALE DEL CORSO LLEVANTADES, RIMANDANDO A COLORO CHE AVENDO FATTO INGRESSO IN ACCADEMIA CINQUANTA ANNI PRIMA, HANNO RIVOLTO A CIASCUN ALLIEVO DEL CORSO ESPERIA UN BENEVOLO SGUARDO CHE LI SORVEGLIERA` DALL`ALTO ATTRAVERSO LA SOTTILE LINEA BLU CHE CONTINUA AD UNIRE GENERAZIONI DI UFFICIALI DI MARINA DEL NOSTRO PAESE.
OGGI È  NATO UN CORSO.
UN CORSO CHE FINO AD ORA HA NAVIGATO E CONTINUERA` A NAVIGARE CON IL PAESE E PER IL PAESE.
UN CORSO CHE, SPINTO IN QUESTA ESPERIENZA COLLETTIVA PREVALENTEMENTE DALL`ESPERO, IL VENTO DI PONENTE, STA RINASCENDO ASSIEME ALL`ITALIA E AI SUOI VALORI, PRESENTI IN OGNI PASSO, NONOSTANTE TUTTE LE DIFFICOLTA`.
COME VENERE E` STATA GUIDA E RIFERIMENTO PER I NAVIGATORI DEL PASSATO, GLI ALLIEVI DEL CORSO ESPERIA OGGI SENTONO CHE IL PAESE LI INVESTE DELLA STESSA PROFONDA E NOBILE RESPONSABILITA`: ESSERE UN FARO PER LA NAZIONE NON SOLO NEI MOMENTI PROSPERI, MA SOPRATTUTTO IN QUELLI PIU` BUI.

EADEM MUTATA RESURGO

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento