Presentata ieri la lista dei candidati alla Regione del partito civico Italia in Comune

Condividi

Italia in Comune, il primo partito civico italiano nato dall’intuizione del sindaco di Parma Federico Pizzarotti, ha presentato la lista dei candidati nella circoscrizione di Taranto alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre prossimi. Una squadra composta di amministratori locali, esponenti della società civile, dell’associazionismo e del volontariato.

La lista provinciale di Taranto è composta dal consigliere comunale e provinciale di Taranto Piero Bitetti, dal consigliere comunale e consulente nel settore risorse umane Giovanni di Pippa di Castellaneta, da Antonella Galeone , avvocato di Grottaglie, Armando Grassi, avvocato e assessore alle attività produttive al comune di Statte, Anna (detta Marilena) Miola di Martina Franca responsabile regionale della Lega consumatori, Pasquale Pastore operatore socio-sanitario di Mottola nonché delegato nazionale Anpass e Adele Mariangela Suma amministratore unico della SMA Coop. Soc. Onlus di San Giorgio Ionico. Ampiamente rispettata la parità di genere che nella lista regionale si attesta al 47 per cento.

Italia in Comune scende in campo a sostegno del Presidente uscente Michele Emiliano per portare in Consiglio Regionale la competenza e l’esperienza acquisita sui territori e creare così un collegamento diretto tra le amministrazioni locali e la Regione Puglia. Il cosiddetto “partito dei sindaci” è in crescita ed intende radicarsi nello scenario politico nazionale offrendo oltre al proprio bagaglio di esperienze e competenze anche proposte programmatiche e progettuali. Il territorio di Taranto merita maggiore attenzione e rispetto in alcuni settori di primaria importanza. Sanità in primis. Alla presentazione dei candidati erano presenti il vice coordinatore nazionale di Italia in Comune Michele Abbaticchio e il coordinatore provinciale Rosario Orlando. In collegamento è intervenuto il fondatore di Italia in Comune Federico Pizzarotti, sindaco di Parma.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento