Grottaglie: Replica del Comitato per la difesa dell’Ospedale San Marco al Sindaco Ciro D’Alò

Condividi

Riceviamo e pubblichiamo la replica del Comitato per la difesa dell’Ospedale San Marco alle dichiarazioni rilasciate dal Sindaco Ciro D’Alò, in occasione della presentazione del candidato al consiglio regionale Ciro Petrarulo.
Sindaco D’alo’ abbiamo ascoltato il suo intervento sul San Marco e la Sanità jonica.
Negare la storia di questa comunità e alterare il corso degli eventi è il male peggiore che i cittadini possano ricevere dal primo cittadino.
Sindaco D’Alo’ la scelta di chiudere il San Marco iniziando dal punto nascita è stata decisa da Emiliano a Luglio dal 2016 e Rossi è stato il cecchino spietato che nel corso di questi anni ha portato a termine il piano del governatore: affossare il San Marco e la sanità ionica.
Quando parla di conversione sa bene che il San Marco fa parte del POC di Taranto e in quanto tale deve essere un supporto al SS Annunziata che non ha i numeri adeguati per essere un ospedale di riferimento e necessita del San Marco e del Moscati.
La lotta del Comitato in questi anni ha voluto mettere al centro la salute violata dei cittadini, dei suoi cittadini che non hanno ritrovato nel loro sindaco il referente della salute pubblica.
Asserviti alla volontà di Emiliano abbiamo distrutto il nostro diritto a curarci e continua il logorante impedimento ad una comunità ferita e vessata.
Emiliano non farà mai felice il sindaco e i cittadini di Grottaglie come dice: ha già presentato un piano di ristrutturazione sanitaria regionale che chiude ogni apertura agli errori commessi e alla emergenza sanitaria dichiarata da Rossi
Emiliano avrebbe potuto riaprire il pronto soccorso come da linee guida del Ministro Speranza…ma ancora una volta ha tradito i 110000 cittadini del nostro comprensorio.
Riguardo alle sue osservazioni sulla carenza organica dei medici le ricordiamo che anche in questo caso vi sono responsabilità reali della Dirigenza Asl, che in un clima inadeguato e poco stimolante, fa fuggire i medici che arrivano a Taranto per poi trasferirsi altrove.
Il comitato ha trovato e proposto i medici che avrebbero lavorato per l’ ospedale di comunità … ma come sempre dal Dott Rossi e dalla Regione chiusura assoluta.
Sindaco D’alo’ ci aspettavamo un passo indietro o almeno laterale sull’analisi della sanità ma dobbiamo convenire che l’autocritica non è nelle corde del nostro sindaco e di questa Amministrazione.
Rialziamo la testa .
Il Comitato difesa dell’Ospedale San Marco

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento