RFI, riattivata la linea Battipaglia – Potenza – Metaponto, dopo interventi di potenziamento all’infrastruttura costato 20 milioni di euro

Condividi

Da domenica 30 agosto riapertura, innalzati standard di sicurezza e prestazioni della linea, a lavoro ogni giorno oltre 200 tecnici  con un impegno economico di circa 20 milioni di euro

Il Cantiere  cavalca ferrovia ricostruito a cura di ANAS (Gruppo FS Italiane)

Domenica 30 agosto riprenderà la circolazione ferroviaria sulla linea Battipaglia-Potenza-Metaponto.

Gli interventi di manutenzione straordinaria e potenziamento infrastrutturale realizzati da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) hanno consentito di elevare ancor più gli standard di sicurezza e l’affidabilità prestazionale della linea.

A lavoro ogni giorno, oltre 200 tecnici di RFI e delle ditte appaltatrici.

Nel dettaglio, sono state realizzate opere di:

  • velocizzazione della linea;
  • impermeabilizzazione di circa 50 campate di opere d’arte;
  • rinnovo di circa 15 chilometri di binari;
  • demolizione e ricostruzione di due ponti ferroviari;
  • messa in sicurezza di tre aree a rischio idrogeologico.

Inoltre, fra le stazioni di Battipaglia e Sicignano, è stato realizzato l’upgrade tecnologico del sistema di distanziamento dei treni, per una gestione più efficiente della circolazione ferroviaria.

Nella stazione di Sicignano è stata avviata la prima fase del nuovo PRG – Piano Regolatore Generale, che prevede la realizzazione di una nuova pensilina, sul lato opposto all’attuale fabbricato viaggiatori e la soppressione del passaggio a livello di stazione.

L’ impegno economico è di circa 20 milioni di euro.

Infine, fra le stazioni di Tito e Potenza, è stato demolito e ricostruito il cavalcaferrovia a cura di ANAS (Gruppo FS Italiane).

Per consentire il rodaggio della linea al termine dei lavori, nei primi 7 giorni dalla riattivazione, sono previste variazioni sui tempi di percorrenza dei treni, consultabili sul sito internet dell’impresa ferroviaria.

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento