L’onorevole Tajani incontra Luigi Morgante: «Abbiamo bisogno di uomini come lui»

Condividi

«Abbiamo liste competitive, abbiamo bisogno di uomini come lui». Sono le parole che l’on. Antonio Tajani, Presidente della Commissione Affari Costituzionali del Parlamento europeo e Vice Presidente di Forza Italia, ha speso ieri, venerdì 28 agosto, nei confronti del candidato al Consiglio Regionale della Puglia Luigi Morgante (FI). «Tajani ha presentato la lista dei candidati di Forza Italia alla Regione – ha dichiarato Morgante – e ha appoggiato la mia candidatura. L’unica forza certa oggi è Forza Italia e sono onorato di far parte di questa famiglia da consigliere regionale uscente. Voglio continuare a fare bene perché anche dai banchi dell’opposizione ho ottenuto risultati per la nostra provincia. Molte proposte di legge sono state recepite: sono riuscito a far finanziare un’importante arteria stradale, il completamento della Bradanico-Salentina, una strada fondamentale per lo sviluppo turistico che è stata bloccata per ben 30 anni;  ho trovato i fondi per 1milione e 400mila euro per la ricerca delle malattie rare; 93mila euro per la messa in sicurezza del fiume Chidro e la bonifica dei canali di collegamento a Torre Colimena. Sono solo alcuni esempi dei traguardi raggiunti e che voglio portare avanti con più forza. Porto, aeroporto, emergenza sanitaria, sono tanti i settori meritevoli di attenzione per il nostro territorio e so cosa fare per affrontarli e rendere la Puglia il fiore all’occhiello del nostro Paese».

L’on. Tajani che ieri ha incontrato Morgante ha aggiunto: «Vogliamo vincere le elezioni regionali in Puglia per dare un Governo che si preoccupa del lavoro e della salute. La provincia di Taranto è una grande risorsa per l’industria e per l’agricoltura ed è stata abbandonata dal Governo regionale e nazionale. Forza Italia è la prima forza politica che si è occupata di Ilva in un momento di crisi».


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento