Mazzarano: “Con la Biopsia fusion la diagnosi precoce di uno dei tumori più ricorrenti”

Condividi

Sono 37mila, secondo le ultime stime AIOM (Associazione Italiana Oncologia-Medica), i nuovi casi di cancro alla prostata diagnosticati nel 2019. La patologia si conferma tra i primi 5 tumori più diffusi in Italia, nella classe 50-69 anni e nei maschi ultrasettantenni raggiunge la prima posizione in classifica.
“Sarà possibile sin da subito fare una diagnosi precoce del tumore alla prostata con  meno effetti collaterali e risposte più precise rispetto alla tradizionale biopsia”.
Il Consigliere Regionale del Pd Michele Mazzarano interviene sulla nuova tecnologia  già disponibile presso i reparti di Urologia degli ospedali di Taranto e Castellaneta: la “biopsia prostatica fusion”.


“E’ ormai noto che, soprattutto per quel che concerne determinate patologie, l’individuazione tempestiva della malattia è fondamentale perché si possa procedere efficacemente con le cure necessarie. In questo caso parliamo di uno dei tumori più frequenti, che viene finalmente diagnosticato con una metodologia d’avanguardia, meno invasiva, che fonde le immagini prodotte dalla risonanza magnetica e dall’ecografia”.
“Strumenti innovativi utilizzati in regime ambulatoriale – conclude Mazzarano – resi ancora più preziosi se messi in moto da un meccanismo di proficua collaborazione tra medici di base e specialisti, e tra medicina del territorio e ospedaliera”


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Avatar

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento