Grottaglie – Il Comitato comparti C inaugura la propria sede in via San Francesco n. 56

Condividi

Sarà inaugurata lunedì 7 settembre, alle ore 18, la sede del comitato comparti C

Targa in ceramica per la sede MC2, realizzata dal ceramista Antonio La Grotta

Avremmo voluto organizzare una inaugurazione in grande stile, invitando tutta la cittadinanza, ma il senso di responsabilità ci  ha indotto alla prudenza, tenuto conto del recente innalzarsi del numero dei contagi Covid. Per questa ragione ci riuniremo solo noi membri del Comitato.

Come più volte annunciato utilizzeremo la nostra sede come luogo dove discutere, dialogare, confrontarsi, ma anche ascoltare i candidati a cariche politiche, allo scopo di comprendere in quale modo intendano risolvere la problematica dei comparti C, per arrivare così al voto, cioè all’esercizio cardine della democrazia, in modo consapevole.

Ma offriremo ospitalità anche ad altri Comitati e Associazioni che si battono per l’ottenimento dei diritti negati, nella convinzione che la battaglia sia sempre la stessa, e cioè quella del ripristino della giustizia e dell’equità in favore dell’intera collettività.

Abbiamo imparato sulla nostra pelle che avere ragione non basta, quando il sistema ti è contro. Normalmente la gente di questo non se ne rendo conto, perché la macchina pubblica appare come un grande carrozzone, magari poco efficiente ma tutto sommato giusto, o, al meno, innocuo. Solo quando ti ritrovi, per mille casualità, schiacciato nell’ingranaggio, ti rendi conto di quanto possa arrivare a stritolarti con mostruosa metodica “normalità”, nell’indifferenza generale.

E allora, quando versi in questa drammatica situazione, l’unica speranza che hai è unirti con chi patisce la tua stessa ingiustizia, lottare insieme per non soccombere.

Ecco cosa vuole essere la nostra sede: il luogo in cui i cittadini, che si trovano schiacciati dal sistema, possano unirsi per far valere i propri diritti negati.

La democrazia ha bisogno di luoghi di aggregazione e ascolto per non trasformarsi nella demagogica tirannia della maggioranza, la nostra sede sarà appunto questo: una fucina della democrazia.

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento