Mottola (Ta). Bando per l’affidamento della gestione dell’RSA R1 dell’Umberto I. Galante (M5S): “Ennesima prova della volontà di smantellare la sanità pubblica”

Condividi

“Il progressivo smantellamento della sanità pubblica a favore del privato è la costante di questa legislatura. La degna fine quindi non poteva che essere il bando indetto dal Direttore Generale della ASL Taranto Stefano Rossi per affidare la gestione della RSA R1 ad alta intensità dell’ospedale Umberto I di Mottola ad un soggetto privato, nonostante le rassicurazioni di Emiliano, che più volte aveva ribadito come la gestione della RSA R1 di Mottola sarebbe stata pubblica”. Lo dichiara il consigliere del M5S Marco Galante.

“La presenza di questa tipologia di RSA – prosegue Galante – è di fondamentale importanza, perchè specializzata nella gestione di casi molto particolari e delicati derivanti da malattie croniche e degenerative gravi. Emiliano e Rossi avevano promesso più volte che la gestione sarebbe stata pubblica ed ora, non solo pubblicano il bando con anni di ritardo, ma cercano anche di far passare per una forma di partenariato pubblico – privato il sostanziale affidamento della gestione ai privati. L’ulteriore prova (semmai ce ne fosse stato bisogno) che il PD pugliese non possiede neanche un minimo di quella ideologia di sinistra che mai avrebbe permesso tutto ciò. Non ci sorprende quindi l’esultanza da parte del PD di Mottola a questa notizia. Dal centrodestra invece silenzio assoluto, ed è facilmente spiegabile in ragione del fatto che la privatizzazione della sanità è tema molto caro a questa parte politica. Non si può ancora una volta assistere a questi giochi di potere – conclude – fatti sulla pelle dei cittadini e degli utenti. L’ennesima pantomima che fa capire in modo inequivocabile che la destra e la sinistra pugliese sono esattamente la stessa cosa”.

Marco Galante candidato consigliere per Laricchia presidente

 

 

 

 

 

 

 

 


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento