Sciopero lavoratori sanità privata 16 settembre 2020 dalle 08.30 alle 10.30 e manifestazione alla Prefettura di Taranto

Condividi

TARANTO – Proclamato per mercoledì 16 settembre 2020, da CGIL, CISL, UIL, lo sciopero dei lavoratori appartenenti alla sanità privata. La mobilitazione avrà luogo dalle ore 08.30 alle ore 10.30 dinnanzi alla Prefettura di Taranto, in via Anfiteatro 4.

Una decisione inevitabile dopo 14 anni di blocco contrattuale, dopo 3 anni di estenuanti trattative e soprattutto dopo la firma della pre-intesa del contratto della sanità privata avvenuta il 10 giugno scorso e che AIOP, Associazione Italiana Ospedalità Privata, e ARIS, Associazione Regionale Istituti
Socio Sanitari, ancora oggi, rifiutano di sottoscrivere in via definitiva. Un comportamento, quello di venire meno alle pre-intese, che non ha precedenti nella storia sindacale italiana.
CGIL, CISL, UIL, sottolineano con forza tutto ciò denoti una totale mancanza di rispetto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori della sanità privata, che nonostante abbiano dimostrato, in questi ultimi mesi, grande responsabilità e senso del dovere, in piena emergenza COVID-19, si sentono ancora una volta, traditi e presi in giro.
Per dare forza alle nostre rivendicazioni, le OOSS scriventi hanno chiesto alla Regione Puglia di sospendere gli accreditamenti. Non è più tollerabile che le aziende accreditate, facciano un uso distorto delle risorse pubbliche traendo profitti, senza riconoscere sul piano normativo ed economico i legittimi diritti delle lavoratrici e dei lavoratori della sanità privata. Si ricorda infine che il Ministro della Salute e la Conferenza Stato-Regioni, hanno dato la loro disponibilità a coprire il costo del rinnovo contrattuale con l’adeguamento delle tariffe, in considerazione del fatto che il rinnovo contrattuale è vincolato per il
50% sulle finanze pubbliche.

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento