“Obiettivo Comune” a Grottaglie: tutte le problematiche della raccolta differenziata

Condividi

Il 3 agosto u.s. è stata avviata, sul territorio grottagliese, la raccolta differenziata. Seppur con qualche problema iniziale, causa rallentamenti nella consegna dei mastelli e/o indisponibilità degli stessi, il servizio sull’intero territorio comunale è iniziato il 31 agosto 2020.

Senza nulla togliere al nobile intento di preservare il nostro ambiente va detto che, come accade con tutti i cambiamenti, nel primo periodo si è verificato un dissenso di una parte della popolazione rispetto alla raccolta differenziata porta a porta, contestandone il metodo.

In un contesto urbano dotato ormai di numerose palazzine e, spesso, con appartamenti sempre più piccoli, la raccolta differenziata porta a porta rappresenta un enorme disagio per gran parte dei cittadini.

Il problema di fondo è lo spazio. Già di per sé, avere in casa cinque o sei contenitori sempre pronti all’uso è un problema, per molti superabile, per altri meno ma, possiamo per questo soprassedere in nome dell’ambiente. Le cose, però, si complicano quando non si ha posto per lasciare i mastelli sotto le proprie abitazioni causa, per esempio, la ristrettezza dei marciapiedi. Una prima questione è appunto dove e come lasciare questi contenitori. Sui marciapiedi, creando intralcio ai pedoni o sul ciglio della strada? E in quest’ultimo caso, quando sono parcheggiate le auto come si dovrebbe ovviare?

Inoltre, tra le istruzioni divulgate, ci sarebbero soltanto giorni e orari fissi per scendere l’immondizia, tra l’altro scomodissimi, che condizionerebbero in alcuni casi anche le uscite dei cittadini. Ci chiediamo, ad esempio, se è consono compiere tali operazioni in tarda serata, specie nella stagione invernale, quando oltre al freddo, in caso di pioggia si assiste spesso ad allagamenti delle nostre strade. Dove lasciare in tal caso i mastelli? Per alcuni cittadini, inoltre, per diversi motivi, non sempre è possibile scendere in tarda serata l’immondizia (per esempio gli anziani), oppure, debbano organizzarsi per farlo alle tre del mattino? Occorre, poi, organizzarsi per riprendersi i mastelli una volta svuotato. Tutti questi disagi saranno certamente da ostacolo al buon risultato dell’operazione, come dimostrano i numerosi casi di protesta da parte dei nostri cittadini.

Obiettivo Comune, quindi, critica questo tipo di differenziata principalmente per due motivi:

  • per l’esposizione di mastelli e sacchetti davanti ai portoni di casa per molte ore, con conseguenze dal punto di vista dell’immagine per i turisti e della vivibilità;
  • per il ritiro dell’organico tre giorni a settimana considerando in quanto, è inammissibile trattenere in casa questo tipo di rifiuto per più di alcune ore specie nella stagione estiva e l’indifferenziato una volta alla settimana.

 

Il nostro gruppo, tramite il Consigliere Giovanni Marinelli presenterà al Presidente del Consiglio Comunale, all’Assessore all’Ambiente e al Sindaco, un interrogazione chiedendo all’Amministrazione Comunale di individuare, nel più breve tempo possibile, una soluzione idonea a risolvere le problematiche rappresentate, al fine di poter consentire a tutti quei cittadini che non si possono adeguare a questi ritmi di poter usufruire, comunque, del servizio.. Inoltre, si chiede all’Amministrazione Comunale di essere vigile controllore rispetto all’operato del servizio offerto dall’azienda Teorema Spa e di rivedere, a ribasso, per l’anno 2021 la tassazione sui rifiuti, posto che la raccolta differenziata dovrebbe contribuire a ridurre le spese a carico dell’Ente. Invitiamo, altresì, l’Amministrazione Comunale a prendere in considerazione la possibilità di trovare una soluzione accomodante nei riguardi di quei cittadini che (carte e certificazioni alla mano) non sono nelle condizioni economiche di far fronte alle spese relative alla tassazione sui rifiuti.

Firmato:

Lorenzo Masiello – Segretario Cittadino “Obiettivo Comune”

Giovanni Marinelli – Consigliere Comunale “Obiettivo Comune”

 

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento