Un tarantino, Antonio Caramia, strappa il terzo premio all’Apulia Contemporary Art Prize (Arti figurative)

Condividi

“Puglia NO Covid” di Antonio Caramia

Si è concluso ieri il concorso-mostra nel prestigioso palazzo San Domenico a Gioia del Colle dell’Apulia Contemporary Art Prize 2020, organizzato dall’Associazione di Promozione Sociale Federico II Eventi, Vallisa Cultura, Bibart Biennale in collaborazione con associazione “I bisbiglii” dell’Anima e con i patrocini di Comune di Bari e Comune di Gioia del Colle. All’evento sono intervenuti il Sindaco di Gioia del Colle avv. Giovanni Mastrangelo e l’Assessore alla cultura avv. Lucio Romano che hanno, che insieme agli organizzatori premiato i 54 concorrenti e scelto tra questi le opere più significative.
La Mostra ha già riscontrato successo a Bari presso la chiesa di Santa Teresa dei Maschi, nel caratteristico centro storico del capoluogo, le opere sono state apprezzate dall’intera comunità che ha trovato interessante, non solo la capacità di mettere in atto un impegno così esclusivo e particolare senza una tematica specifica, ma anche di realizzare (in questo momento particolare) un percorso che ha un notevole valore pedagogico ed educativo intrecciando la forza comunicativa di diversi artisti di cui riportiamo sotto i nomi.
Si è saputo distinguere il nostro artista locale Antonio Caramia che ha strappato un meritatissimo terzo premio (con una tematica surreale) rappresentato da una tela intitolata “Puglia NO Covid”. Dall’opera emergono un forte “isolamento” a salvaguardia della propria identità in una società malsana. Abbandonandosi alla purificazione dell’anima nasce il desiderio di ritrovare un benessere mentale nella completa solitudine di un’isola tutta pugliese sospesa nell’aria, un’isola autonoma e autosufficiente dove una vita migliore è possibile. Sono queste connotazioni surreali e introspettive, legate al territorio locale e all’identità spirituale e morale dell’artista che ha la fortuna di poterle esprimere attraverso un linguaggio pittorico unico, intenso e trasparente.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento