Approvata la mozione Muraglione di via Cugini, 12 voti favorevoli e 9 contrari

Condividi

TARANTO – Oggi, 13 ottobre 2020, in Consiglio comunale, durante il question time, ho presentato una mozione riguardante il “muraglione” che si estende per circa 4 km ed alto 7 metri e delimita l’Arsenale Militare di Taranto e le aree non utilizzate all’interno dello stesso.
La mozione è stata appoggiata dai consiglieri di opposizione e non solo.
Nella mozione chiedo al Sindaco di mettere in campo ogni azione possibile affinché i cittadini possano riappropriarsi di  una parte importante della città, con l’apertura dei varchi originariamente aperti, il recupero di tutte le aree oggi inutilizzate, la realizzazione di piste ciclabili e passeggiate lungo il Mar Piccolo, l’attivazione di percorsi archeologici (in coordinamento con il MarTa), il recupero di locali da adibire ad attività culturali favorendo così uno sviluppo nuovo, soprattutto in vista di eventi come i Giochi del Mediterraneo.
La restituzione di questi spazi sarebbe un volano fondamentale per il rilancio del Borgo umbertino e l’apertura di finestre su quel muro restituirebbe una vista diversa a chi percorre via Cugini.
La mozione è passata con 12 voti a favore e 9 contrari certificando per l’ennesima volta che non esiste più una maggioranza a  sostengno della giunta Melucci.
Al netto di proclami e una campagna social aggressiva, i fatti dicono che il Sindaco non ha più i numeri per governare questa città, dalla sua parte restano solo gli assessori scelti da lui e un pugno di consiglieri comunali.
Mai come in un momento storico come questo servirebbe invece una maggioranza stabile che possa garantire ad una grande città come Taranto un’amministrazione solida.
È il momento che il Sindaco prenda coscienza della situazione e si faccia da parte.
Consigliere comunale Mimmo Battista

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento