APERTAMENTE di Cosimo Lombardi. Riflessioni per evitare il divano

Condividi

I fatti di Napoli, (in copertina opera di Domenico Gargiulo la rivolta di Masaniello)) più o meno strumentalizzati da facinorosi e specialmente da divanari,  pensionati e tutelati con la pancia piena mi inducono ad una riflessione che voglio trasmettere.
Il covid c’è. È infido, pericoloso e non va sottovalutato.
Non va sopravvalutato ma nemmeno sottovalutato.
Io appartengo alla generazione dell’Aids. In tanti lo hanno sottovalutato ed hanno pagato pegno. Anche quella malattia era infida.  Non potevi sapere se, quando,  dove e con chi la prendevi, quindi occorreva tanta prudenza.
Idem per il tumore. Ci hanno sempre detto che la sigaretta fa male,  ma io, testone,  ho fumato nazionali senza filtro, MS, persino Gouloise senza filtro. Ho pagato pegno e mi è andata pure di lusso perché ho portato la pelle a casa.
Con un pezzetto di coratella in meno,  ma mi è andata bene.
Lo stesso dicasi per questo cacchio di virus.
È infido, pericoloso ma lo possiamo fregare.
In maniera pure semplice.
Una mascherina da quattro soldi ( tutti ne abbiamo anche di quelle belle, intonate con l’abbigliamento) ci salva la vita.
Se poi impariamo a stare a distanza di sicurezza l’uno dall’altro, ancora meglio.
Andiamo in pizzeria,  troveremo tavoli apparecchiati con criterio.
All’uscita,  se troviamo amici chiacchieriamo pure, a debita distanza,  come se tutti avessimo mangiato aglio e sempre con la mascherina,  tanto non abbiamo segreti da nascondere.
E voi ragazzi, non siete più al sicuro di noi.
Adottate le stesse nostre regole.
Certamente non vi dirò di baciare il vostro amore con la mascherina,  non ci sarebbe gusto,  ma evitate di cambiare “amore” ogni 2×3.
Anche se i nostri governanti non hanno saputo predisporre i mezzi pubblici per andare a scuola, proteggetevi da voi, mascherina ed evitate di parlarvi da vicino.
Vi parlerete appena scesi dal pullman,  all’aria aperta.
In questo modo non daremo l’alibi per un blocco totale,  come quello che abbiamo subito a marzo; potremo lavorare ed impedire altri guai per il nostro Paese;  potremo continuare ad andare in pizzeria o al ristorante anche più tardi  senza che nessuno corra pericoli.
I nostri bar e locali pubblici sono ben attrezzati.
Prudenza,  buon senso ed amor proprio, per dirlo in poche battute.

Cosimo Lombardi

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento