Tamponi rapidi, Zullo (FdI): i medici di famiglia coinvolti, ma non lasciati solo! altrimenti sarà caos

Condividi

“Bene, anche se in ritardo, l’attivazione dei tamponi antigene rapidi, ma invito vivamente la Regione a non impegnare solo i medici di famiglia nell’esecuzione. Non sarebbe sufficiente! Occorre costruire intorno a quest’ultimi un’équipe di assistenza domiciliare per seguire e monitorare i soggetti COVID positivi la maggior parte dei quali (almeno il 90%) risulterà asintomatico o paucisintomatico da isolare a domicilio per non intasare gli ospedali con ricoveri inappropriati.

“E ancora più arduo sarà il lavoro da compiere nel rasserenare famiglie e comunità, nell’informare, formare e responsabilizzare, nel tracciare contatti e nel tenere il rapporto con i dipartimenti di prevenzione e con gli ospedali. Guai a pensare che il compito del medico di famiglia si limiti all’esecuzione del test, saremmo in un caos incontrollabile”.

Ignazio Zullo, Fratelli d’Italia

 

 


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento