Emergenza Giustizia a Taranto

Condividi

FP CGIL: “Uffici al collasso ma non prendetevela con il personale”. Ecco i numeri delle carenze di organico

Se gli uffici giudiziari sono al collasso non prendetevela con il personale.

Giudice di Pace Taranto

Sembra ribadire questo concetto la nota che la Funzione Pubblica CGIL ha mandato alla stampa per rimarcare le gravi inefficienze di un settore che impatta direttamente sul diritto costituzionalmente garantito della giustizia.

La denuncia della FP CGIL è circostanziata e trova conferma nei freddi numeri.

Il Tribunale di Taranto su 180 unità lavorative previste, lavora in realtà con 129 dipendenti.

L’ufficio del Giudice di pace sconta una carenza che sfiora il 30% con 19 unità su 25 stabilite.

Numeri in difetto anche per gli uffici giudiziari minorili, il Tribunale di sorveglianza o gli uffici della Procura della Repubblica. Scoperture di organico che vanno dal 20 al 50 per cento.

Una condizione di collasso non agevolata dall’atmosfera generale di grande precarietà dovuta dall’emergenza Covid con uno smart working che consente solo in parte efficienza essendo molti dei programmi forniti dal Ministero non migrabili su device non istituzionali.

Corte di Appello Taranto

La situazione è drammatica – spiega Mimmo Sardelli della FP CGIL Taranto – perché sono anni che sul tema dell’amministrazione della giustizia assistiamo alla criminalizzazione del personale e a crociate contro il dipendente pubblico, reo soltanto di fare il possibile in carenza di organico e con mezzi e strumenti spesso vetusti.

Carenze organiche e strutturali che la FP CGIL considera invece necessario diventino una battaglia di tutti.

L’efficienza di questo settore è una battaglia civiltà, non una guerra tra fazioni opposte – conclude Sardelli – per questo sfidiamo tutte le componenti del mondo della Giustizia, compresa l’Avvocatura, ad aprire un serio confronto, al netto di inutili e sterile polemiche e improduttivi scarica barile.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento