Massimo Serio (Articolo Uno Taranto), Emergenza sanitaria in provincia di Taranto: urge più attenzione anche per le altre patologie!

Condividi

La pandemia mondiale da Covid-19 che stiamo combattendo ormai da mesi ci porta a fare più riflessioni.

Siamo convinti che si sta operando, a livello sia nazionale che locale, col massimo impegno e rigore scientifico per contrastare e contenere i contagi.

Il Ministro Speranza, la task force regionale anti Covid-19, il presidente Emiliano, stanno svolgendo un lavoro immane per gestire l’emergenza sanitaria.

Sentiamo di fare delle riflessioni circa la possibilità di dotare soprattutto la provincia jonica, storicamente sottodimensionata di reparti e strutture sanitarie, oltre che di personale medico e paramedico, di una struttura prettamente Covid in modo da concentrare le cure tutte presso un unico presidio.

A nostro parere occorre dare le dovute attenzioni alle cure dei malati Covid come a quelle da continuare a riservare ai malati delle altre patologie, poiché rischiamo di trascurare e lasciare senza assistenza socio-sanitaria migliaia di utenti.

In provincia di Taranto abbiamo un corposo presidio Covid al “Moscati”, che al momento ospita 113 degenti positivi ricoverati nei reparti di rianimazione, infettivi, pneumologia, medicina Covid, affiancato da altri presidi come il post acuzie di Mottola che al momento ospita 43 pazienti. Il “San Marco” di Grottaglie ospita attualmente 16 pazienti positivi al Covid, Manduria ne ospita 46, Castellaneta 10, mentre 31 sono i pazienti affidati all’equipe multidisciplinare medica del 118 di Taranto.

Ci chiediamo se, visto il dilagare dell’epidemia, non fosse più opportuno adottare la scelta di utilizzare un unico grande presidio per adeguarlo ad ospedale Covid-19, naturalmente dotandolo di tutti i confort sanitari, dalla rianimazione alla degenza. Pensiamo per esempio all’ex ospedale di Mottola o ad altre strutture sanitarie della provincia.

Con la nostra proposta vogliamo dar voce alla moltitudine di pazienti che attendono cure specialistiche di altre branche mediche, che attendono interventi ad esempio oncologici, ortopedici, ecc., che non possono continuare a passare in secondo piano, poiché in molti casi può essere molto tardi. Per questo facciamo appello agli organi preposti del territorio, affinchè si adottino provvedimenti che garantiscano assistenza sanitaria a 360 gradi in questo delicatissimo momento storico che stiamo attraversando.

Massimo Serio
Segretario provinciale Articolo Uno Taranto

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento