No alla violenza sulle donne. Personal… mente Donna!!! di Pina Colitta

Condividi

“La sensibilità non è donna. La sensibilità è umana. Quando la trovi in un uomo è poesia.”
Alda Merini
Essere amati, stimati e apprezzati, è una necessaria esigenza per ogni persona, un dono dato e ricevuto. Il cammino è impegnativo per ottenere ciò ed inizia,   in primo luogo, da noi stessi. Non c’è amore più grande che quello per noi stessi; chi si ama inizia a costruire,  momento per momento, la sua autostima, la sua forza e la sua determinazione.  Ogni persona è unica e deve imparare ad accettare se stessa come l’unica persona con cui dovrà irrimediabilmente convivere. Amare se stessi significa, prima di tutto, accettarsi per  quello che si è.  Tutto appartiene alla nostra persona, errori e successi, momenti belli e meno belli.
Amare se stessi è complicato, ed il frutto di un’educazione insieme alle esigenze e  alle responsabilità che ognuno si porta come un doveroso compito da portare a termine, per ottenere un riconoscimento che, inizialmente è  familiare e poi diventa sociale. Quante persone lottano per ottenere l’ammirazione degli altri, per sentirsi connessi in qualche modo al mondo?
Tante persone dipendono dal riconoscimento degli altri ed in assenza di esso entrano nell’antro sibillino dell’infelicità che genera  un’insoddisfazione per un responso di sofferenza che non si  sa come superare, poiché solo lì, in quell’antro, quella persona, ferita e vuota, sa stare e  vive in funzione degli altri.
Amore, rispetto, riconoscimento, educazione, connessione, stima… L’assenza di ognuna di queste parole, nella vita di una donna, che si accompagna all’uomo sbagliato, potrebbe essere invece derisione, offesa, pugno,  schiaffo, calcio,  pugnalata,  morte annunciata … Noi, persone, adulti, genitori, educatori possiamo essere viatico del messaggio chiaro e forte: in ogni persona che coltiva il bene di sé,  ci potrà essere si, una donna realizzata, una moglie rispettata, una madre portatrice sana di amore, ma anche  un uomo che riconosce nella donna quella parte di sé che vive in lei.
“Lottate, ragionate col vostro cervello, ricordate che ciascuno è qualcuno, un individuo prezioso, responsabile, artefice di se stesso, difendetelo il vostro io, nocciolo di ogni libertà, la libertà è un dovere, prima che un diritto è un dovere.”
Oriana Fallaci

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi

Lascia un commento