Investimenti, Turco: “Il Cipe approva la delibera sulla riforma del monitoraggio”

Condividi

“La Riforma sul Monitoraggio degli investimenti è realtà. Oggi il Cipe ha approvato la delibera con la quale viene data attuazione dell’art.41 del decreto legge “Semplificazione” che rende operativa la legge istitutiva del Codice Unico di Progetto (CUP), permettendo di associare ai programmi di investimento i relativi progetti finanziati. L’introduzione della metodologia “programmi-progetti” consentirà di rendere sistematica l’attività di monitoraggio dei programmi di spesa a tutte le diverse fonti di finanziamento. In questo modo, si potrà migliorare la capacità di gestione degli investimenti pubblici, grazie all’introduzione di un monitoraggio più completo, corretto, puntuale e trasparente, oltre che concomitante alla realizzazione della spesa”. Così il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla programmazione economica e agli investimenti, Sen. Mario Turco, che oggi ha presentato la proposta di delibera ai lavori del Cipe.

“Entrando nel dettaglio della riforma – dice il Sottosegretario è prevista la nullità degli atti amministrativi di finanziamento privi del CUP, l’obbligo di pubblicazione dell’elenco dei progetti finanziati e del loro stato di avanzamento, sia da parte delle amministrazioni centrali che territoriali, nonché l’informativa annuale che l’Autorità politica delegata alla programmazione economica e agli investimenti dovrà fornire al CIPE, in cui analizzare lo stato di utilizzo delle risorse pubbliche”

“Quanto deliberato – conclude l’esponente di Governo – migliorerà la programmazione economica, renderà più efficiente l’utilizzo delle risorse e consentirà di accelerare la realizzazione delle opere pubbliche. La gestione degli investimenti sarà un asset fondamentale nella prospettiva di gestire le risorse del Recovery fund, su cui si baserà lo sviluppo futuro del Paese”.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento