Il Gruppo “Città Territorio” di Grottaglie esprime solidarietà ai lavoratori della Leonardo e prega D’Alò a fiondarsi a Roma

Condividi

Il ridimensionamento dell’attività produttiva dello stabilimento “Leonardo” di Grottaglie, che ha visto passare la produzione passare da 14 a 6 fusoliere al mese, ha spinto oggi le maestranze a presidiare l’ingresso della grande fabbrica, per garantirsi il futuro proprio, ma anche per dare speranza alla modernizzazione industriale e per dare sicurezza al lavoro, nei nostri territori locali, provinciali e regionali.

È tempo che la politica e le Istituzioni, insieme alla dirigenza di “Leonardo” e alle organizzazioni sindacali e imprenditoriali, prendano in carico la questione per affrontarla una volta per tutte con la determinazione che la gravità della situazione richiede. L’interrogazione consigliare sulla importantissima questione, rivolta al Sindaco di Grottaglie in queste ultime ore, relativa all’assunzione di tutte le iniziative utili alla convocazione di un tavolo di confronto, non deve rimanere una voce isolata. Ma deve essere il grido di tutta la Città di Grottaglie. Quella stessa Città, che continua a interrogare il Sindaco anche sulla Sanità e sul Tributario urbanistico, purtroppo senza ottenere risposte.

Noi ci permettiamo di suggerire al Sindaco di Grottaglie di fiondarsi a Roma, perché abbiamo l’impressione che Bari non basti.

Ogni ulteriore silenzio sarebbe colpevole!   Ogni ulteriore ritardo sarebbe omissivo!

 

Grottaglie Comunità

Italia Viva

Libera…mente

Moderati Civici

Riformisti per Grottaglie


Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento