L’Innovazione digitale nel mondo della ceramica

Condividi

Il progetto del FabLab Poliba mira allo sviluppo di un percorso di innovazione e trasformazione. La prospettiva è quella di creare la figura di un “artigiano digitale” capace di coniugare la sapienza del lavoro artigiano tradizionale con la componente innovativa dell’applicazione di tecnologie di digital manufacturing.

La vetrina dell’innovazione, su scala internazionale, sarà protagonista del “Maker Faire Rome”, la fiera dell’innovazione europea, 8° edizione, versione digitale, in programma dall’11 al 13 dicembre, dalle ore 10.00 alle 22.00. Favorire il progresso attraverso la condivisione di idee tra makers, imprese, istituzioni, scuole, università e centri di ricerca è infatti la mission dell’iniziativa, con accesso gratuito,  promossa e organizzata dalla Camera di Commercio di Roma.

Tra gli oltre 300 stand virtuali ricchi di idee, prototipi, progetti innovativi figura per la prima volta, quello del Politecnico con il FabLab Poliba. Il Laboratorio di fabbricazione digitale, con sede a Bitonto, metterà in vetrina, tra i temi presenti: agritech, foodtech, digital manufacturing robotica, intelligenza artificiale, mobilità, economia circolare, salute, IoT, recycling, data science, sportech, moda, art, music il progetto, “Innovazione digitale nel mondo della ceramica”.

L’iniziativa mira allo sviluppo di un percorso di innovazione e trasformazione nel mondo artigiano, in particolar modo quello della ceramica. L’intento è quello di coniugare la sapienza del lavoro artigiano tradizionale con la componente innovativa portata dai Fablab attraverso i processi e le tecnologie proprie della digital manufacturing, nella prospettiva di un “artigianato digitale” in grado di affrontare le sfide connesse con l’innovazione tecnologica e formare nuovi artigiani.

La proposta FabLab Poliba consente di operare nel mondo manifatturiero in un tempo molto ristretto e con competenze digitali che amplificano le classiche capacità di un artigiano. Il progetto infatti, mira a formare professionisti con le competenze tecniche più richieste dalle aziende, pronti a entrare nel mondo del lavoro innovativo e digitale e consente a utenti/studenti di fare un’esperienza in Fablab con l’opportunità di sperimentare direttamente sul campo le competenze acquisite.

Il pubblico che si collegherà allo stand del FabLab Poliba del Maker Faire Rome acquisirà nozioni tecniche di base sulla ceramica e sul suo ciclo produttivo, dalla selezione e preparazione dell’argilla alle tecniche di lavorazione e modellazione tradizionali, ai processi di essicazione e cottura con la fase finale di smaltatura e decorazione. A questo si affiancherà l’apprendimento dei metodi di creazione e progettazione di manufatti ceramici complessi e dei principi di lavorazione additiva con stampa 3D LDM (Liquid Deposition Model), una tecnologia che consiste nella deposizione strato su strato di un filamento fluido, in questo caso argilla, e che rappresenta oggi un tema di ricerca e di interesse internazionale nel mondo dell’additive manufacturing. Con una stampante 3D in argilla è possibile produrre infatti semilavorati che, una volta terminata la stampa, possono essere analogamente rifiniti e personalizzati, essiccati, cotti e smaltati.

Partecipare o visitare il Make Faire Rome. Alla manifestazione si potrà accedere grazie ad una piattaforma dedicata https://makerfairerome.eu/it/ . Durante la navigazione, si potranno assegnare like, condividere contenuti, chattare con i maker e gli espositori, porre domande o partecipare agli incontri live “Meet the Exhibitor”, per conoscere meglio i progetti esposti. Lo stand virtuale del FabLab Poliba sarà invece interattivo da domani, venerdì, 11 dicembre e sabato, 12 dicembre nella fascia oraria 17.00-20.00. Domenica, 13 dicembre, nella fascia oraria 10.00-13.00, sulla piattaforma della fiera attraverso un link disponibile sulla seguente pagina: https://makerfairerome.eu/it/espositori/?edition=2020… Sono previsti inoltre: un workshop, sabato, 12 dicembre, dalle 18.00 alle 19.00, su: “Innovazione digitale nel mondo artigiano”, durante il quale verranno messe a confronto la tradizionale tecnica del tornio con i nuovi processi CAD/CAM che utilizzano software di slicing e stampanti 3d. (per seguirlo: https://makerfairerome.eu/it/eventi/?edition=2020…) e un talk, domenica, 13 dicembre, dalle 11:00 alle 11:30, dal titolo: “Fablab e artigianato digitale: training e formazione continua dedicata alle nuove generazioni“
con il prof. Nicola Parisi, direttore del Fablab POLIBA. (per seguirlo:  https://makerfairerome.eu/it/eventi/?).

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento