Fondi al Sud, Fitto (FDI): il grande bluff del governo Conte

Condividi

Il co-presidente del gruppo europeo ECR-FRATELLI D’ITALIA, Raffaele Fitto, ha presentato un’interrogazione al commissario UE, Ferreira, per fare chiarezza

“La dotazione finanziaria del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020 è stata di 68.810 milioni di euro come si evince dal Rapporto del Nucleo di verifica e valutazione degli investimenti pubblici. L’art. 29 del Disegno di Legge di Bilancio per il 2021 prevede lo stanziamento del FSC per il periodo 2021-2027 di 50 milioni di euro, circa 18 miliardi di euro in meno rispetto al precedente periodo di programmazione. Il Governo e le Regioni per utilizzare i fondi europei per far fronte alla emergenza Covid, ad aprile scorso, hanno stipulato accordi che prevedevano, tra l’altro, l’impegno del Governo a stanziare risorse aggiuntive nel FSC 2021-2027 per compensare appunto l’utilizzo delle risorse europee. Per fare un esempio concreto, per la sola Regione Puglia il Governo si era impegnato a stanziare 501 milioni di euro aggiuntivi del FSC per recuperare il taglio alle risorse europee come si evince dall’accordo sottoscritto e dalla nota trasmessa al CIPE ed allo stesso modo fu fatto con le altre Regioni. In sede di Legge di Bilancio il Governo ha tradito quegli impegni non soltanto non dando maggiori risorse ma addirittura tagliando di 18 miliardi la dotazione FSC 2021-2027 rispetto al periodo 2014-2020. Quello che si sta consumando in questi giorni è, invece, un doppio scippo ai danni di un Mezzogiorno al quale sono stati chiesti sacrifici in nome di un interesse nazionale, ma poi non solo non vengono restituite quelle risorse, ma addirittura vengono ridotte rispetto alla precedente programmazione. Peraltro il Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) è per l’80% destinato appunto al SUD. Eppure 8 mesi fa, ad aprile, avevamo capito i rischi e lanciato l’allarme perché appariva chiaro fin da allora che le promesse fatte non sarebbero state mantenute. Ma come spesso accade fummo liquidati con sufficienza e tacciati di strumentalizzare questioni serie! Ad aprile, infatti, durante la prima ondata Covid, il ministro Giuseppe Provenzano annunci? la sottoscrizione di Accordi con le Regioni per poter utilizzare le risorse comunitarie del Fondo di Sviluppo e Coesione per l’emergenza nazionale Covid, con la promessa di restituirle con la nuova programmazione FSC. Un grande bluff! Ecco perché il SUD con questa legge di Bilancio e con questo Governo è scippato due volte. Mentre siamo tutti impegnati nella discussione sul Recovery Fund sul quale non abbiamo ancora nessuna certezza sulla quantità delle risorse da assegnare al SUD.

Elisa Ferreira

Per questo ho presentato, in qualità di co-presidente del gruppo europeo ECR-Fratelli d’Italia, un’interrogazione al commissario alle Politiche di Coesione, Elisa Ferreira, per fare chiarezza soprattutto sul criterio di addizionalità che dovrebbe caratterizzare le risorse nazionali rispetto a quelle europee nella nuova programmazione”.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento