Raccolta differenziata nel Borgo di Taranto: saranno portati a tre i giorni di raccolta dei cartoni

Condividi

Le mini isole ecologiche per la raccolta differenziata dei rifiuti sono ormai una realtà anche nel Borgo di Taranto. Il bilancio ad un mese dall’avvio del servizio in modalità rinnovata è nel complesso positivo, anche se occorre ancora migliorare le performance e soprattutto far comprendere ai cittadini più reticenti che i cassonetti ingegnerizzati sono una garanzia di igiene e decoro a vantaggio di tutti, purché si rispettino le regole e le modalità di conferimento dei rifiuti.

Nei giorni scorsi, intanto, si è fatto il punto della situazione nel corso di un incontro di monitoraggio dei servizio tra i tecnici dell’Amiu, il presidente dell’azienda, Giampiero Mancarelli, l’assessore alle società partecipate, Paolo Castronovi e per Confcommercio, Alberto Mosca.

Si è deciso – su richiesta della Confcommercio- di implementare la raccolta dei cartoni delle attività commerciali con un passaggio in più rispetto rispetto alle due giornate già programmate; pertanto i giorni di conferimento saranno il lunedì, mercoledì e venerdì a partire dalle ore 20.30, a chiusura delle attività. Sarà importante che i cartoni siano piegati e raccolti in modo ordinato, sia per il decoro urbano – poiché il mezzo passerà tra le 22.00 e le 4.00- e sia per facilitare le operazioni di raccolta.

Non è scontato ricordare che è vietato, al di fuori dell’orario consentito, depositare gli imballaggi nei pressi delle attività o in prossimità delle isole ecologiche, e che solo attraverso la collaborazione dei residenti e delle attività economiche il Borgo di Taranto, il cuore commerciale e turistico della città, potrà migliorare l’immagine con beneficio di tutti i cittadini e dell’economia stessa.

E a tal fine – come suggerito da Confcommercio- sarà integrato, nelle strade del passeggio, il numero dei cestelli porta rifiuti.

In fondo ciò che si attende dai cittadini è il rispetto delle regole ed un po’ di attenzione anche nei piccoli gesti, proprio come si farebbe a casa propria dove una carta difficilmente verrebbe gettata sul pavimento.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento