Zullo a Lopalco: caro Collega, non si può scherzare con i fanti, ne’ con i virus e nemmeno con la salute dei pugliesi. Inizia a dare risposte da Assessore

Condividi

Lettera aperta all’assessore Pierluigi Lopalco da parte del capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo

“Caro Pieluigi Lopalco, non è certo il gruppo Fratelli d’Italia con la propria mozione atta a richiedere il commissariamento della gestione COVID in Puglia, a classificare la nostra come Regione a ‘rischio alto’ per tre settimane consecutive ma è il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) che attraverso la Cabina di Regia (istituita ai sensi del DM Salute 30 aprile 2020) lo afferma nel Report settimanale di monitoraggio della fase 2, pubblicato due giorni fa, in data 11 dicembre. Non credo che il Ministero della Salute, l’ISS e la Cabina di Regia scherzino o strumentalizzino.

“Oggi ci inviti a scherzare con i fanti ma, te lo dico in amicizia e da collega, non si può scherzare né con il virus né con i fanti e nemmeno con la salute e la vita dei pugliesi.  Mi dispiace molto che tu non ti renda conto che, continuando a non dare risposte alle questioni che da tempo ti poniamo, in fondo sei tu che ti infogni in uno scherzo che poi è anche di cattivo gusto.

“Da assessore alla Sanità non puoi continuare a limitarti ogni giorno a pubblicare il bollettino giornaliero sui dati dell’epidemia; serve il passaggio ulteriore e devi farci capire cosa fai per migliorare la situazione. Non è scherzare se ti allertiamo sull’aumento dei focolai in Puglia con forte coinvolgimento della popolazione anziana e fragile nelle RSA, e non si procede ad effettuare sistematicamente tamponi molecolari negli operatori cos? come prescritto dal Ministero della Sanità.

“Non è scherzare se ti allertiamo sull’alto tasso di mortalità grezza e specifica in Puglia, molto più alta rispetto alle Regioni che sono entrate simultaneamente con la Puglia in lockdown, e tu da assessore non attenzioni questo dato per comprendere in quale passaggio si può e si deve migliorare.

“Non è scherzare se ti critichiamo sul fallimento della campagna vaccinale antinfluenzale e sull’effettuazione dei tamponi rapidi antigenici che nonostante gli accordi con i medici di base ad oggi non se ne vedono, nel mentre resti inerme ed in silenzio senza dare dimostrazione di quello che stai facendo per porre rimedio.

“Non è scherzare se il COVID ha tolto la vita a tre giovani donne (a Trani, Altamura e Polignano a Mare) e madri abbandonate dal sistema per carenze gravissime nell’assistenza domiciliare e nella costituzione delle USCA. Quelle tre morti sono eventi sentinella che avrebbero dovuto farti capire come, contravvenendo a disposizioni del Ministero della Salute, non si è provveduto a potenziare l’assistenza domiciliare e il monitoraggio dello stato di salute delle persone COVID positive in isolamento domiciliare.

“Non è scherzare se in ossequio a disposizioni del Governo avresti dovuto fin da agosto implementare i posti letto di terapia intensiva dagli allora funzionanti 304 a 580 posti letto affinché fossero destinati al COVID il 30% di tali posti letto per utilizzare il restante 70% per la cura di pazienti no COVID. Bene, la Puglia ha ad oggi solo 366 posti letto con tasso di occupazione intorno al 44% e fai una gara in tutta fretta per allocare in modo non conforme alle indicazioni ministeriali 160 posti letto che saranno pronti tra 45 giorni quando noi ne abbiamo bisogno oggi.

“Non è scherzare se il tasso di occupazione dei posti letto di area medica in Puglia ha superato il valore soglia del 40% attestandosi al 49%. Significa che c’è meno disponibilità per curare pazienti NO COVID e tu parli di fanti!

“Non è scherzare se in Puglia i contagi sono negli ultimi 14 giorni in trend incrementale del 14,5% il più alto in Italia. E mi fermo qui…

“Caro Lopalco, in Puglia in effetti si è scherzato ma quando tu e Michele Emiliano propagandavate la Puglia COVID FREE, quando tu affermavi che il virus non viaggia sui barconi, ma negli aerei di prima classe. Quelli s? che sono scherzi, sulla pelle della gente.

“E continui a scherzare quando non affronti i 26 punti della nostra mozione con stile istituzionale”.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento