Inaugurata a Manduria la sede di Assprocom Aepi

Condividi

Alla presenza del Sindaco Gregorio Pecoraro, del vicesindaco Andrea Mariggiò e dell’assessore alle attività produttive Isidoro Mauro Baldari, è stata inaugurata a Manduria la sede di Assprocom Aepi che sarà a servizio anche dei comuni di Avetrana e Sava. “ Assprocom Aepi a Manduria rappresenta l’incontro di tre realtà del versante orientale della provincia di Taranto in un unico luogo e testimonia non solo l’unione di un territorio ma anche di esperienze , voglia di fare e fare sistema non solo nella nostra area ma anche all’interno della stessa confederazione ”- cosi Mino Dinoi, presidente nazionale della Confederazione Aepi, ha salutato la nascita di questa nuova realtà in un videomessaggio che ha aperto i lavori della cerimonia di inaugurazione alla quale era presente Giuliano Cannizzo Coordinatore provinciale Aepi, il quale ha espresso soddisfazione per la nuova realtà che andrà a coprire una così vasta zona provinciale ricca di risorse ed opportunità che vanno valorizzate al meglio.

“Il nostro obiettivo – ha dichiarato Ernesto Soloperto responsabile Assprocom di Manduria- è di offrire anche a questa importante porzione di territorio del nostro versante orientale i numerosi servizi di Assprocom Aepi rivolti alle imprese e ai professionisti . Accogliamo peraltro con notevole soddisfazione le parole del Sindaco di Manduria Gregorio Pecoraro che ha garantito, d’ora in poi, il coinvolgimento della nostra confederazione sulle tematiche concernenti il mondo del commercio e delle professioni. Abbiamo così centrato il nostro primo traguardo: fare rete per favorire lo sviluppo delle imprese e delle professioni della provincia”.

Al taglio del nastro erano presenti Maria Terrusi, presidente Assprocom Aepi, Pierpaolo Milano e Giusy Distratis, componenti della confederazione oltre a Maria Pia Pinelli, presidente nazionale Horeca, l’associazione che mette insieme ristoratori, pubblicans e bartenders che, appena costituita, ha aderito alla confederazione.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento