SS 275 MAGLIE-LEUCA, Pagliaro (La Puglia domani), mobilita tutto il centro destra regionale e salentino a Santa Maria di Leuca

Condividi

Lecce – Paolo Pagliaro, capogruppo regionale de LA PUGLIA DOMANI e leader de il Movimento Regione Salento, ancora una volta si mobilita contro la mancata realizzazione della S.S. 275 e ancor di più contro la decisione del Governo di non inserirla nel maxi elenco delle 130 opere strategiche da completare. Su questa battaglia oggi è riuscito a coinvolgere tutto il centrodestra regionale e salentino sul suggestivo palcoscenico del lungomare di Santa Maria di Leuca, dove l’opera strategica per il territorio dovrebbe giungere. Tutti insieme dietro lo striscione scelto come slogan della manifestazione: “L’Italia inizia a Santa Maria di Leuca e non finisce a Bari”: dal senatore della Lega Roberto Marti, ai consiglieri regionali Antonio Gabellone (Fratelli d’Italia), Gianni De Blasi (Lega) e Paride Mazzotta (Forza Italia), dal sindaco di Alliste, Renato Rizzo, ai vicesindaci di Catrignano del Capo e di Corsano, Giuseppina Maruccia e Francesco Caracciolo, fino a Biagio Ciardo coordinatore del comitato “4 Corsie per lo sviluppo e la vita”.

“Questa manifestazione è un’occasione propizia per riportare l’attenzione su un problema ultra decennale – ha affermato Gabellone -, in Consiglio regionale abbiamo presentato insieme ai colleghi Pagliaro, De Blasi e Mazzotta, ma sono firmatari anche due colleghi della maggioranza Mario Pendinelli e Donato Metallo. Una iniziativa che sarà trasformata in ordine del giorno per chiedere attenzione al Governo per inserire la 275 tra le opere strategiche”.

Il leghista De Blasi ha aggiunto: “Mi sento di fare un appello a tutte le forze politiche indipendentemente dalla maglia, dobbiamo indossare un’unica maglia per una grande squadra che lavori per permettere che questa arteria venga terminata”.

Il forzista Mazzotta ha continuato: “Questa è un’opera strategica per il territorio salentino che ha bisogno di rilanciarsi. Noi consiglieri regionali del centrodestra abbiamo deciso di ragionare intorno ad un tavolo per risolvere alcuni temi tra cui quello della 275 perché è fondamentale per il rilancio del Salento e ci batteremo affinché venga realizzata”.

Pagliaro, da sempre in prima linea sul tema, ha concluso la manifestazione: “Lo abbiamo sempre detto che avremmo portato avanti tutte le battaglie che riguardano il nostro Salento, la S.S. 275 è tra queste, sono passati 25 anni di attese, rinvii e promesse purtroppo mancate. Noi chiediamo che il Governo ritorni sui suoi passi e inserisca quest’opera tra le opere strategiche. Lo slogan che ha contraddistinto il nostro movimento è proprio chiaro: l’Italia inizia a Santa Maria di Leuca e non finisce a Bari. Ogni volta che bisogna finanziare qualcosa, i soldi arrivano e si fermano a Bari. Il Salento ha la necessità di ottenere quello che merita, non vogliamo né più e né meno rispetto ad altri territori, noi non vogliamo alcun vantaggio rispetto agli altri, vogliamo avere solo quello che hanno gli altri, stessi servizi, stessi diritti, stesse infrastrutture”.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento