Favole vocali su WhatsApp, il nuovo progetto dell’Associazione Aretè

Condividi

Durante il periodo natalizio, l’Associazione Aretè di Grottaglie, ha organizzato un nuovo modo di raccontare le favole, ispirandosi a Gianni Rodari, che anni fa scrisse una raccolta intitolata “Favole al telefono”, dove un papà, costretto a stare fuori per lavoro, ogni sera chiamava sua figlia per raccontarle una storia. Visto che i tempi sono cambiati, l’Associazione Aretè ha pensato di trasformarle in “ Favole vocali su WhatsApp”. E’ stata realizzata una lista di favole, lette e interpretate da alcuni attori dell’Associazione, gli utenti possono scegliere la storia preferita tra quelle presenti scrivendo ad un numero messo a disposizione e riceverà la favola scelta attraverso WhatsApp. Questo modo originale di mandare gli auguri e data anche la situazione, di fare teatro, entrando in casa del pubblico in sicurezza, senza creare assembramenti, ha ottenuto subito un grande successo; in pochissimi giorni, attraverso le condivisioni l’iniziativa ha valicato i confini di Grottaglie e della Puglia, arrivando in varie regioni dell’Italia e anche in Francia. L’iniziativa ha suscitato un grande entusiasmo del pubblico e tantissime sono state le richieste, infatti una signora dell’Emilia Romagna, sul suo profilo Facebook, ha scritto:

Sono venuta a conoscenza di questa iniziativa molto carina, si manda un messaggio al numero che riporto e viene inviata una favola, tratta dal libro “Favole a telefono” di Gianni Rodari. E’ un libro che ho avuto tra le mani circa 30 anni fa e non ho mai smesso di leggerlo. Rodari con semplicità ed ironia riesce a mettere in risalto tante sfaccettature dell’animo umano e fra una risata e un pensiero sottile è capace di farci fare pace con i nostri difetti ed espandere i limiti che spesso ci poniamo davanti. Buon ascolto a tutti amici”.

Questa iniziativa, inoltre, è stata ideata anche per spronare i bambini all’ascolto e all’immaginazione, due componenti poco stimolate, poiché oggi sono sollecitati continuamente da strumenti video; così, le favole di Rodari riusciranno ad incuriosirli ad una nuova modalità di ascolto, grazie all’iniziativa dell’Associazione Aretè.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento