Donazioni al reparto di Pneumologia del “Moscati”

Condividi

Questa mattina, presso l’ospedale “San Giuseppe Moscati” di Taranto, il personale del reparto di Pneumologia – UTIIR Covid ha incontrato una delegazione della Guardia di Finanza del Gruppo Aeronavale di Taranto, la rappresentante di un’associazione culturale e un imprenditore locale per ringraziarli della solidarietà dimostrata al personale sanitario durante questi mesi di lotta al Covid.

Presenti per la Guardia di Finanza, il Colonnello Emilio Vitrone, Comandante del Gruppo Aeronavale, il Luogotenente Rosario Leonardo e una delegazione di militari che, in piena emergenza, si sono autotassati per l’acquisto di un congelatore per la conservazione di campioni biologici e un frigorifero per la conservazione dei farmaci a temperatura controllata per i pazienti Covid. I militari hanno espresso la loro vicinanza al personale sanitario con il quale condividono il compito di tutelare la salute pubblica.

Un ringraziamento è stato espresso anche in favore dell’Amministratore dell’ente tarantino di formazione professionale “Programma Sviluppo”, che nella prima fase dell’emergenza sanitaria, ha donato tute integrali di protezione, consentendo al personale sanitario del reparto di Pneumologia Covid di operare in piena sicurezza.

Fondamentale anche il contributo dell’Associazione Culturale “La Macchitedda” di Carosino, rappresentata dalla Prof.ssa Silvia Prontera, che ha promosso una raccolta fondi finalizzata all’acquisto di carrelli porta-ventilatori e macchine di supporto della funzione respiratoria, indispensabili per la sopravvivenza dei pazienti con insufficienza respiratoria grave.

“È straordinario l’affetto e la vicinanza manifestateci dai cittadini e dalle istituzioni nei periodi più difficili di questa emergenza – ha dichiarato il dott. Dr. Giancarlo D’Alagni, Direttore del reparto di Pneumologia dell’ospedale “Moscati” – Il ringraziamento di tutto il gruppo di lavoro, medici, infermieri e ausiliari, va a loro. Grazie al loro sostegno abbiamo trovato la forza per superare le molteplici difficoltà incontrate durante questi mesi e spingerci oltre i nostri limiti, nel tentativo disperato di fronteggiare un nemico insidioso, dagli effetti devastanti per il genere umano e per cui non esiste ancora una terapia specifica realmente efficace. Le nostre speranze – ha aggiunto D’Alagni – sono riposte in quella che si preannuncia la campagna vaccinale più imponente di tutti i tempi, che è appena iniziata e che dovrebbe dare i suoi risultati non prima che si sia immunizzata la maggior parte della popolazione. Fino ad allora bisogna tenere alta la guardia”.

“Dall’inizio dell’emergenza è stato fondamentale il ruolo dell’intera comunità jonica – ha affermato l’avv. Stefano Rossi, Direttore Generale della ASL Taranto –  Il sostegno e la collaborazione nei confronti della sanità è emersa a vari livelli. Ciascuno ha collaborato con le proprie possibilità e le proprie forze per il bene dell’intera collettività”.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento