Agricoltura, Fitto: “La Puglia per il secondo anno consecutivo unica regione a non utilizzare gli aiuti europei”

Condividi

Raffaele Fitto

“Per il secondo anno consecutivo la Regione Puglia dovrà sperare nella benevolenza della Commissione Europea per ottenere nuovamente una proroga che eviti di perdere oltre 95 milioni di euro di aiuti europei all’Agricoltura. Lo scorso anno la giustificazione è stata la presenza di un pesante contenzioso giudiziario-amministrativo a causa dei tantissimi ricorsi al TAR contro le graduatorie dei bandi PSR. Quest’anno qual è… Il covid? Una motivazione che regge poco visto che altre Regioni del Sud (alle prese con la stessa pandemia) hanno ottenuto un eccellente risultato: l’exploit spetta alla Calabria che ha avuto un avanzamento della spesa pari al 65.26%. In queste ore è l’AGEA a decretare il più completo fallimento della Regione Puglia: al 31 dicembre scorso siamo l’unica regione in Italia a non aver raggiunto il target di spesa previsto. Il disimpegno è pari ad euro 95.632.500,24 di quota FEASR, corrispondente ad una spesa pubblica di euro 158.070.248,33. Insomma, la Puglia ha chiuso il 2020 con un avanzamento della spesa pari al 41,74%, notevolmente inferiore sia alla media nazionale al 57,91% che a quella delle altre Regioni al 53,54%. Insomma, un disastro completo per l’agricoltura pugliese che da anni soffre per la totale incapacità amministrativa e politica di chi finora l’ha organizzata e gestita. Siamo di fronte a un danno irrecuperabile, per intenderci: i soldi del PSR si potranno (forse) anche recuperare, ma i danni prodotti vanno risarciti da chi ha sbagliato e le responsabilità sono facilmente individuabili. Come europarlamentare mi impegnerò, come lo scorso anno, a fare qualsiasi cosa per evitare che a subire le inefficienze e gli sbagli possano essere solo gli agricoltori”.


Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento