Sanità nella provincia di Taranto: 12 ore di attesa in ambulanza prima di entrare in Pronto Soccorso

Condividi

Oggi 4 gennaio 2021, ci giunge questa foto dall’area antistante il pronto soccorso dell’Ospedale SS Annunziata di Taranto dove decine di mezzi del 118 sono bloccati con i pazienti a bordo da questa notte.

La motivazione data agli operatori sanitari è che mancano le barelle per il trasbordo dei pazienti dalla ambulanza al pronto soccorso.

Una situazione difficile e paradossale che si va aggravando di ora in ora dato che per disposizione della Dirigenza Generale dell’Asl, i pazienti giunti nei vari pronto soccorso di tutta la provincia di Taranto, una volta che il tampone abbia dato esito negativo vengono trasportati presso il pronto soccorso dell’ospedale SS Annunziata al collasso da vari giorni, se si consideri che già in data 1 gennaio, una paziente di Grottaglie, stanca di essere sottoposta a questo trattamento disumano, dopo dodici ore di attesa in ambulanza, ha chiesto ai parenti di andarla a prendere per tornare a casa.

A voi ogni considerazione, anche se a noi che scriviamo, questa situazione sembra inaccettabile, assolutamente fuori controllo e non degna degli standard sanitari minimi a cui avremmo diritto in quanto cittadini di un Paese civile.

Diciamo grazie al Direttore Generale della Asl di Taranto e al Presidente della Regione Puglia per come stanno gestendo la seconda ondata della pandemia.

Per il momento non c’è altro da aggiungere, nella speranza che non sopraggiungano emergenze nelle quali non sarà possibile intervenire per indisponibilità di mezzi di soccorso, attualmente impegnati nella lunga fila di accesso al SS Annunziata, e se così dovesse essere, chi ne pagherà le conseguenze?

 

Condividi

Ettore Mirelli

Avvocato, poeta e scrittore

Lascia un commento