Angelo Di Lena: «A disposizione fino a 200 mila euro di finanziamenti. Taranto e i paesi della Provincia non si lascino sfuggire questa opportunità»

Condividi

PULSANO (Ta) – «I Comuni di Terra jonica partecipino all’avviso pubblico ‘Fermenti in Comune’ per realizzare progetti in favore dei giovani delle nostre città».
Così il consigliere dell’Unione dei Comuni Terre del mare e del sole Angelo Di Lena.
“Negli scorsi giorni – continua – l’ANCI ha pubblicato un bando che, grazie alle risorse messe a disposizione dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche giovanili e del Servizio civile universale, dà l’opportunità ai Comuni di intercettare dei finanziamenti per sviluppare progetti a vantaggio dei giovani.
Nello specifico, le attività da realizzare possono muoversi lungo le seguenti direttrici:
proposte progettuali presentate dai Comuni che attivino sul territorio un’azione forte e mirata di sviluppo, rilancio e innovazione, incentrata su un ruolo incisivo da parte dei giovani under 35.
A partire dai nuovi bisogni emersi, si vuole puntare sulle potenzialità delle realtà giovanili per facilitare il rilancio dei territori e definire modelli efficaci in termini di sostenibilità nel tempo delle azioni.
Inoltre, i progetti dovranno anche tener conto delle specificità territoriali e potranno essere inseriti nel contesto della città in cui si svolgeranno.
Il contributo richiesto dai soggetti proponenti non potrà essere superiore a 60 mila euro per i Comuni con popolazione residente fino a 15 mila abitanti , 120 mila euro per i Comuni con popolazione residente da 15.001 a 100 mila abitanti e 200 mila euro per i Comuni con popolazione residente superiore a 100.001 abitanti.
Il contributo copre fino a un massimo dell’80% delle spese ammissibili.
La scadenza per presentare domanda è fissata al 29 gennaio 2021.
E’ fondamentale, soprattutto in questo momento storico che stiamo vivendo, rendere sempre più protagonisti i giovani del loro futuro cercando di realizzare ed attuare misure in grado di trasformare davvero il Paese, partendo dalle loro idee.
Una buona opportunità che non possiamo lasciarci sfuggire.
Dobbiamo farlo per i giovani delle nostre città e per il futuro delle comunità», conclude.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento