Sanità, Perrini: il caso Taranto

Condividi

La dichiarazione del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini, che ha scritto una lettera al direttore generale della Asl di Taranto per chiedere chiarimenti

Renato Perrini

“Nel gergo quotidiano è entrata una nuova parola con riferimento al Covid, ‘focolaio’, e sempre più spesso veniamo a conoscenza che ne è scoppiato uno nuovo in qualche reparto ospedaliero, ultimamente al Santissima Annunziata di Taranto. Francamente, mi chiedo come possa essere possibile, come faccia il virus a entrare in ambienti sanitari che dovrebbero essere sicuri sul piano della prevenzione, come possa esserci sempre qualche falla nel sistema. Per questo ho scritto al direttore generale della ASL di Taranto, Stefano Rossi, per conoscere con quale frequenza vengono effettuati i tamponi a medici, operatori sanitari, e a tutto il personale che entra a contatto con i reparti per motivo di lavoro (mi riferisco agli addetti alla distribuzione dei pasti e quelli addetti alla pulizia, ma anche agli operai delle ditte edili che stanno effettuando lavori esterni ed interni). Perché può bastare un solo ‘positivo’ che sfugge per mandare in tilt un intero reparto, una volta entrato in ospedale”.

 

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento