Smart working e lavoro al Sud Il 22 gennaio conferenza digitale della CGIL di Taranto diretta su Collettiva.it a partire dalle 17.00

Condividi

Si può lavorare al fresco del trullo o sulla spiaggia di Campomarino? Lo smart working è quella rivoluzione che libera il tempo dell’uomo e del lavoratore e lo trasporta in una nuova era? Oppure è la riproposizione tecnologica di vecchie dinamiche di sfruttamento?

Il 22 gennaio Cgil Taranto organizza un evento (virtuale) sul tema, durante il quale alcuni esperti si confronteranno sul tema.

Lo smart working esiste da sempre e non va ridotto alla possibilità di lavorare da casa. Il lockdown l’ha però fatto conoscere al grande pubblico, mettendo in luce le storie delle lavoratrici e dei lavoratori spesso emigrati dai loro luoghi di origine verso le grandi città del nord. Ma anche tantissime lavoratrici e tantissimi lavoratori di imprese locali che hanno trasformato la propria casa in uffici temporanei, cercando di conciliare i tempi di vita privata con le necessità professionali. Al sud, e dentro le mura domestiche hanno continuato a produrre per le aziende per cui lavorano. È una vera rivoluzione. Tuttavia, dopo un primo livello di soddisfazione per questi lavoratori (anche e solo per aver salvato il proprio impiego), emergono una serie di criticità.

Per iniziare a porre le basi su una riflessione sindacale sul tema, a partire dall’impatto di questo modo di lavorare sulla qualità di vita e sul rapporto col territorio, la Cgil di Taranto ha organizzato un evento per fare il punto della situazione.

Il dibattito del 22 gennaio 2021 alle ore 17, in diretta streaming sui canali di Collettiva.it, sarà introdotto da Giovanni D’Arcangelo segretario CGIL Taranto e sarà concluso da Giuseppe Massafra, segretario nazionale CGIL.

Parteciperanno al dibattito da Antonio Casilli, professore di sociologia presso Télécom Paris e ricercatore associato presso la School for Advanced Studies in the Social Sciences autore del libro “Gli schiavi del libro”. Ci parlerà del rapporto tra la tecnologia e l’uomo, il suo lavoro; Paolo De Chiara, è stato dirigente in Olivetti, Telecom Italia e LA7, consigliere in AGCOM e vice-presidente del Comitato nazionale Italia digitale, partner del “Forum contro le disuguaglianze” che ci parlerà delle “Officine municipali” come luogo attrezzato, connesso e sociale. Al dibattito parteciperanno Francesca Sanesi, RSA della Filcams CGIL, dipendente di una società partecipata della Camera di Commercio, Subfor srl; Claudio Cavaliere, consulente del lavoro, il quale ci porterà l’esperienza e la visione futura delle imprese del territorio e Bruno Maggi, assessore alle attività produttive del Comune di Martina Franca, al quale verranno poste le domande su cosa può fare un Comune per mettere in rete le relazioni e offrire spazi di incontro professionale per i lavoratori in Smart Working.

Modera l’evento il giornalista Massimiliano Martucci, collaboratore di Nuovo Quotidiano e direttore di Valle d’Itria News.

 

 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento