Taranto set per la fiction “Il commissario Ricciardi”, Manzulli: «Il cinema leva per la diversificazione»

Condividi

Andrà in onda domani 25 gennaio su Rai 1, in prima serata, la fiction “il commissario Ricciardi, girata nei vicoli e nelle piazze di Città Vecchia.

Un’occasione di visibilità per la bellezza di Taranto, ormai eletta a set cinematografico ideale da molte produzioni e altrettanti registi, per la magia dei luoghi e la luce unica. Visibilità che si trasforma in promozione, seguendo un trend sempre più consolidato che vuole la scelta di una meta turistica orientata anche dalle immagini che scorrono su piccolo e grande schermo.
«Si dice che “un film è sempre l’inizio di un viaggio” e il fenomeno del turismo indotto dal cinema – le parole dell’assessore allo Sviluppo Economico, Marketing Territoriale e Turismo Fabrizio Manzulli – è una motivazione emergente per i viaggi, che si aggiunge alla già varia domanda turistica. La città di Taranto ha iniziato a sviluppare un proprio concetto di turismo indotto dal cinema negli ultimi anni».
La comunicazione audiovisiva, quindi, è in grado di influenzare le destinazioni di viaggio, con la sua profondità di linguaggio che mette in luce valori, tradizioni e cultura di un territorio. Il fascino indotto dal film, però, si deve trasformare in desiderio concreto di maggiore conoscenza del luogo. «C’è tanto ancora da costruire intorno alla percezione che Taranto deve avere in ambito turistico ha aggiunto Manzulli –, ma sarà certamente una delle leve su cui fondare la diversificazione produttiva e sganciarci dalla monocultura industriale. L’amore di produttori, registi, attori e operatori dello spettacolo è la conferma che la materia prima è tra le migliori: solo noi cittadini, però, possiamo garantire cura, premura, tutela e rispetto di questo tesoro, affinché turismo, cinema e viaggi formino un connubio sempre più solido».
Fabrizio Manzulli
Assessore Sviluppo Economico, Marketing Territoriale e Turismo

Dal 2011 oraquadra, propone un’informazione onesta, corretta, puntuale e gratuita.

Sostenete ORAQUADRA e la libertà di informazione


 

Condividi
Redazione Oraquadra

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento