Aeroporto di Grottaglie, Perrini: l’eterna promessa, tarantini presi in giro da Emiliano

Condividi

Il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini, ritorna su un atavico problema del territorio tarantino.

“L’aeroporto di Grottaglie, oltre il danno la beffa! Esiste sempre un prima e un dopo… Il prima è la campagna elettorale dove il centrosinistra promette che si vola, il dopo sono i cinque anni di legislatura (e ormai siamo alla quarta targata prima Nichi Vendola e ora Michele Emiliano) dove i tarantini rimangono a terra. Per questo ho presentato un’interrogazione al presidente Emiliano e all’assessore ai Trasporti, Anita Maurodinoia, per sapere se intendono convocare la prevista Conferenza di servizi per la Continuità territoriale, più volte sollecitata dal Comitato Pro Aeroporto di Taranto-Grottaglie, così come hanno fatto tutte le Regioni meridionali con l’indizione del Bando di Continuità territoriale per ottenere i fondi statali e consentire ai tarantini di volare a prezzi calmierati. A Emiliano e Maurodinoia ho anche chiesto di rendicontare il totale dei voli passeggeri che sono stati fatti da Grottaglie con la convenzione stipulata con la società Aeroporti di Puglia dal 2014 al 2019 (giunta Vendola) per 62,5 milioni di euro Infine se intendono risarcire i tarantini per ricompensarli dei danni subiti in tutti questi anni, magari con un Bando pubblico low-cost della durata di 5 anni e di almeno 18 milioni di euro, da erogare direttamente alle Compagnie aeree su Taranto. Quello che è evidente è che Regione Puglia sta ledendo il diritto alla mobilità dei tarantini, penalizzati nel turismo e nel commercio rispetto ad altri cittadini pugliesi, con il paradosso di conservare per anni la proprietà della Società concessionaria, col chiaro intento di ostacolare il regolare utilizzo ai passeggeri di linea a Taranto”.

Renato Perrini
Consigliere regionale Fratelli d’Italia
 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento